Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Dissonanzen, ultimo appuntamento di Metaforme: al monastero delle Trentatrè c'è il Brew 4tet

Martedì 28 Giugno 2022 di Enrica Buongiorno
Dissonanzen, ultimo appuntamento di Metaforme: al monastero delle Trentatrè c'è il Brew 4tet

Il giardino del Complesso monastico Santa Maria in Gerusalemme, detto Le Trentatré, (via Armanni 16), ospita giovedì 30 giugno alle 20,30 il concerto dei Brew 4tet Drops che chiude Metaforme – le forme della musica, una rassegna di 4 appuntamenti nata dalla collaborazione tra Dissonanzen e l’atrio delle Trentatré, nell’ambito del progetto Campania è, promosso dall’Agis e dalla Regione Campania.

Con Metaforme Dissonananzen si apre agli interessanti progetti di giovani musicisti che attraverso stili musicali differenti, quasi sempre di matrice jazz, condividono la pratica improvvisativa. I Brew 4et nascono nel 2016 dal desiderio di esplorare, attraverso timbriche e strumenti differenti, il suono nel suo stratificarsi depositarsi attraverso l’ascolto. La passione per la musica e per il jazz ha spinto la ricerca di Giuseppe Giroffi ai sassofoni, Gianluca Manfredonia al vibrafono, Luca Varallo al contrabbasso e Alex Perrone alla batteria ad orientarsi sempre più verso la creazione di una confusione sonora in cui la tradizione e la contemporaneità si mescolano vivacemente, abbracciando una cultura musicale ad ampio spettro che non smette mai di essere in contatto con l’essenza e la natura del suono. Nel 2018 parteciparono a vari Festival jazz, Jazz Flirt Jazzlt Fest. Nel 2021 registrarono il loro primo disco, incentrato interamente su composizioni inedite. Nello stesso anno parteciparono al Festival Val d’Agri Jazz classificandosi al secondo posto e ricevendo il “Premio al miglior musicista” della rassegna per il vibrafonista Gianluca Manfedronia. Attualmente la formazione sta lavorando al secondo disco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA