Spinacorona 2021, sette siti culturali per 15 indimenticabili concerti

Venerdì 24 Settembre 2021
Spinacorona 2021, sette siti culturali per 15 indimenticabili concerti

Il festival di Spinacorona è tornato. Dopo un anno di pausa obbligata a causa dell’emergenza sanitaria, ecco il programma della quinta edizione del festival ideato e diretto da Michele Campanella con il coordinamento artistico di Giovanni Oliva. Ricomincia quindi la missione di Spinacorona: creare un connubio tra la musica, rendendola accessibile a tutti, e alcuni dei luoghi che testimoniano il patrimonio artistico della nostra città. Quattro giornate, dal 30 settembre al 3 ottobre, con quindici concerti da seguire e inseguire per le vie del centro storico di Napoli. La formula è quella vincente delle scorse edizioni: esibizioni di circa 40 minuti, affidate ad alcuni tra i più noti protagonisti della scena musicale nazionale e internazionale, dislocate nei sette luoghi della città scelti per l’occasione, da riscoprire e conoscere. 

Il prologo della nuova edizione di Spinacorona è affidato a un giovane talento, Raffaella  Cardaropoli, violoncellista già conosciuta a livello internazionale, che si esibirà giovedì 30 settembre, alle ore 12, presso la Biblioteca Universitaria di Napoli in via Giovanni Paladino.  Alle 21 invece, al Teatro Trianon Viviani, Michele Campanella insieme all’ORT (Orchestra della Toscana) e all’Ensemble Vocale di Napoli diretto da Antonio Spagnolo, eseguirà il Concerto n.5 e la Fantasia corale di Ludwig van Beethoven.

Michele Campanella

Il secondo giorno del festival, venerdì 1 ottobre, comincia alle 15.30, nuovamente alla Biblioteca Universitaria di Napoli, con Simonide Braconi, viola, e Monaldo Braconi, pianoforte, che presenteranno brani di Schubert, Hindemith e dello stesso violista solista. Alle 17.15 al Museo di Fisica dell’Università di Napoli, i Solisti dell’ORT  eseguiranno il Sestetto op.48 di Antonín Dvořák. Spostandoci al vicino Real Museo Mineralogico, alle ore 19.00, Michele Campanella suonerà quattro splendide rarità mozartiane e alle ore 20.45, sempre al Museo di Fisica, Javier Girotto, Gianni Iorio e Alessandro Gwis renderanno omaggio all’ultimo innovatore del tango, Astor Piazzolla , e a Gerry Mulligan.

Dal sito ufficiale del Festival

Sabato 2 ottobre in programma ben 5 concerti. Si comincia alle 10.00 presso la Biblioteca Universitaria di Napoli dove il pianista Vito Reibaldi eseguirà un viaggio al confine tra musica classica e jazz. Ci si sposterà poi nella Cappella di Santa Restituta nel Duomo di Napoli dove, alle 12.00, il trio composto da Alessandro Carbonare (clarinetto), Simonide Braconi (viola) e Andrea Dindo (pianoforte) eseguirà brani di Mozart e Schumann. Il programma del pomeriggio comincia alle 17.00 nella Chiesa dei Santi Cosma e Damiano ai Banchi Nuovi, recentemente restaurata, con il Trio DeMoNe (Annalisa De Santis arpa, Stefania Morselli flauto, Alberto Negroni oboe), che presenterà quattro autori del Novecento italiano. Alle 19.00, nelle sale del Museo di Fisica, l’attrice-cantante Adria Mortari e il pianista Salvatore Biancardi interpreteranno Song e ballate di Kurt Weill su testi di Bertolt Brecht e tre interludi da Sonate di Paul Hindemith. Infine, alle ore 21.00, al Real Museo Mineralogico, il mezzosoprano Adriana Di Paola e la pianista Monica Leone eseguiranno La canzone dei ricordi, di Giuseppe Martucci su versi di Rocco Pagliara. 

Dalla home page del Festival

Ancora quattro eventi per l’ultimo giorno del festival, domenica 3 ottobre, che si aprirà alle ore 11.30 al Teatro Trianon Viviani, dove i pianisti Monica Leone e Michele Campanella assieme all’Ensemble Vocale di Napoli diretto da Antonio Spagnolo, eseguiranno la Dante-Symphonie di Liszt, con la voce recitante di Sonia Bergamasco. Il pomeriggio si apre alle 17.00 nel Museo di Fisica con l’esibizione del Quartetto Adorno che con il clarinettista Alessandro Carbonare proporrà il Quintetto op.115 di Brahms. Alle 19.00 nel contiguo Real Museo di Mineralogia, il Fine Arts Quartet con Michele Campanella al pianoforte eseguirà il Quintetto di Franck. Alle 21.00, nella Sala Scarlatti del Conservatorio di San Pietro a Majella, l’ospite d’onore di Spinacorona 2021, Salvatore Accardo, chiuderà il Festival con una prova aperta di musiche di Mozart con l’Orchestra del Conservatorio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA