Francesco Arienzo Live al Quore di Foqus

Francesco Arienzo
Francesco Arienzo
Mercoledì 14 Dicembre 2022, 21:09
3 Minuti di Lettura

Incredibile successo di pubblico per Francesco Arienzo che torna ad esibirsi a Napoli con un nuovo e travolgente spettacolo comico intitolato semplicemente «Live». 
In pochi giorni è andato sold out lo spettacolo previsto il 18 dicembre alle ore 21 e così la Full Heads Comedy, società organizzatrice dell'evento, propone un secondo spettacolo alle ore 19. 

Dall'esperienza ventennale della Full Heads Records nasce a Napoli un nuovo management e local promoting artistico dal nome Full Heads Comedy che ha come obiettivo voler portare in città l’onda lunga della nuova comicità italiana. L’idea di base è  offrire una nuova formula di spettacolo comico orientata verso lo stile anglosassone che si distacca dal tipico cabaret italiano. Monologhi, improvvisazione, microfono aperto, nessuna parete tra il comico e il pubblico, parole e pensieri liberi. Con questi presupposti si fa strada la nuova comicità. I testi, spesso politicamente scorretti, si mischiano in un mantra isterico dove la regola principale è far ridere a tutti i costi. Una schiera di giovani talenti si fa strada nel panorama locale e nazionale con un pubblico giovanile particolarmente attento che ha voglia di distrarsi ironizzando sulla realtà che ci circonda.
Nel corposo gruppo di comedians nazionali Napoli non poteva non essere protagonista con una nuova leva che già è riuscita a farsi notare e raccogliere ottimi risultati. 
Per questo motivo la Full Heads Comedy, sull’onda del successo dello spettacolo di Francesco Arienzo, lancia due nuovi appuntamenti in collaborazione con il Teatro Sancarluccio.

Il Sancarluccio è una sala storica nel panorama teatrale napoletano e italiano. Attivo dal 1972, durante gli anni ‘70 è stato tra i primi teatri ‘off ’ di Napoli, e nella sua esistenza cinquantennale ha ospitato la nuova drammaturgia di Annibale Ruccello e di Enzo Moscato, il teatro corrosivo di Leopoldo Mastelloni, la comicità pura di Massimo Troisi, la maschera surreale di Silvio Orlando, le performances graffianti di Peppe Lanzetta, la sperimentazione in erba dei giovanissimi Mario Martone e Tony Servillo, l’avanguardia napoletana di Antonio Neiwiller e Renato Carpentieri, le comete di Roberto Benigni, o di Laura Morante, attrice prediletta di Nanni Moretti. Un luogo che ha una lunga tradizione di comicità che oggi torna con forza e lo farà nelle prossime settimane con due giovani talenti napoletani: Gennaro Scarpato che si esibirà il giorno 22 dicembre in «Soli solitudini soliloqui» (prevendita attiva) e Carmine Del Grosso che si esibirà il 29 dicembre con lo spettacolo di stand up comedy dal titolo «Live» (prevendita attiva).

© RIPRODUZIONE RISERVATA