I classici della canzone napoletana: i Neaco in concerto al Teatro Sannazaro di Napoli

I classici della canzone napoletana: i Neaco in concerto al Teatro Sannazaro di Napoli
Venerdì 7 Gennaio 2022, 13:18
3 Minuti di Lettura

I classici della canzone napoletana senza confini: sarà un concerto nel segno della contaminazione quello che i NeaCo, www.neaco.it, porteranno in scena mercoledì 12 gennaio 2022 al teatro Sannazaro di Napoli, con due rappresentazioni in programma alle ore 17.30 e alle ore 20.30. L’evento inaugurerà la stagione concertistica voluta dalla Fondazione Franco Michele Napolitano, presieduta dal professor Sergio Sciarelli, con la direzione artistica della pianista Maria Sbeglia. La piccola orchestra tornerà a esibirsi in città proponendo Il viaggio di NeaCo, lo spettacolo che declina dal vivo l'idea di dare nuove forme espressive agli evergreen di Salvatore di Giacomo & co.

«Napoli ha sempre accolto e rielaborato le influenze dei popoli che vi approdavano, diventando un esempio di integrazione culturale. Lo stesso ha fatto la sua musica. Il nostro progetto attualizza questo processo di inclusione, trovando sorprendenti punti di contatto tra la tradizione partenopea e le musiche del mondo», ha dichiarato Luigi Carbone, co-fondatore dei NeaCo. Basato sull'omonimo album, il viaggio di NeaCo sarà, dunque, un suggestivo atlante sonoro che farà dialogare melodie immortali nate all’ombra del Vesuvio con i più svariati generi musicali. Ecco, dunque, “O sole mio” incontrare “What a wonderful world”, raccontandosi come un inno alla vita in chiave soul; Indifferentemente incarnare la passione estrema del tango argentino, mescolandosi in raffinati contrappunti con Libertango di Piazzolla; Te voglio bene assaje trovarsi perfettamente a suo agio nel ritmo in 5/4 di Take five; “O surdato 'nnammurato” rivivere con un inedito sapore blues e “Maruzzella” arricchirsi di soluzioni ritmiche flamenco. Quello dei NeaCo sarà un viaggio che annulla i confini di genere all’interno della stessa canzone napoletana: lo testimonia il mashup tra “O paese d' 'o sole” e “Napule è”, in cui la Napoli di Libero Bovio si sovrappone a quella di Pino Daniele in una crasi spazio-temporale di grande intensità emotiva, smasherando gli stereotipi e riportando a unità la dimensione, al tempo stesso meravigliosa e dolente, della città.

Video

Il concerto di NeaCo vivrà un altro momento clou con un'innovativa rielaborazione de “Lo guarracino”, che contamina il conflitto suburbano ambientato in fondo al mare e il ritmo ripetitivo e ossessivo della tarantella settecentesca con il mood e le sonorità elettroniche della musica trap. Insomma, Il viaggio di NeaCo si annuncia come un evento musicale che ha anche una forte valenza culturale e sociale: un invito a fare dell’inclusività un fattore di crescita e arricchimento. Protagonisti del doppio concerto del 12 gennaio saranno Luigi Carbone, piano, voce e voce narrante dello spettacolo; Giovani Imparato, percussioni, voce e direzione artistica del progetto (di cui è co-fondatore con Luigi Carbone); Aldo Perris, basso, voce e orchestrazioni; Antonio Carluccio, chitarra e voce; Annarita Di Pace, violino e voce; Mats Hedberg, chitarre, mandolino e voce; Davide Grottelli, fiati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA