Pomigliano Jazz, si inizia con l'unica data in Italia della pianista giapponese Hiromi

Pomigliano Jazz, si inizia con l'unica data in Italia della pianista giapponese Hiromi
Lunedì 11 Luglio 2022, 14:39
5 Minuti di Lettura

Concerti in esclusiva, produzioni inedite e progetti speciali. Torna dal 16 al 31 luglio 2022 il festival Pomigliano Jazz in Campania con un programma di appuntamenti che, oltre alla città di Pomigliano d’Arco, toccherà anche Avella, Boscoreale e la vetta del Vesuvio, per l’ormai classico concerto sul cratere. Nell’arco di due settimane si alterneranno sul palco itinerante della XXVII edizione, star del jazz, musicisti campani e grandi nomi della musica italiana e internazionale.  Oltre alla musica, il festival diretto da Onofrio Piccolo, ospiterà anche la mostra “Sound Stories” al palazzo dell’Orologio di Pomigliano d’Arco, visite guidate e degustazioni, presentazioni di libri e laboratori di guida all’ascolto del jazz.

Ad inaugurare questa edizione di Pomigliano Jazz sarà Hiromi. La pianista e compositrice giapponese, una delle più talentuose protagoniste della nuova scena jazz mondiale, si esibirà all’anfiteatro romano di Avella sabato 16 luglio, col suo The Piano Quintet. Ad accompagnarla in questo intenso viaggio musicale, un eccellente quartetto d’archi composto da Tom Pigott-Smith , Shlomy Dobrinsky, Meghan Cassidy  e Gabriella Swallow .

Il set di Hiromi, sarà introdotto dal live di Alessandro Tedesco che proporrà in trio con Giovanni Francesca e Angelo Funaro il suo ultimo lavoro discografico, "Magma". Il 21 luglio il festival si sposta alle pendici del Vesuvio e approda a Boscoreale, al Museo del Parco Nazionale del Vesuvio, dove andrà in scena “Cantare Pieranunzi”: un concerto intimo per voce e pianoforte con Enrico Pieranunzi e la cantante Valentina Ranalli. Dal vivo il duo presenta nuove emozionanti versioni vocali di composizioni originali del pianista romano, in una perfetta simbiosi artistica. In apertura, il trio tutto napoletano composto da Francesco Marziani, Antonio Napolitano e Massimo Del Pezzo presenta dal vivo i brani album d’esordio, “Troisi” dedicato all’indimenticabile attore e regista.

Sempre al museo del parco Nazionale del Vesuvio è atteso per il primo dei due concerti a Pomigliano Jazz, Avishai Cohen. Il bassista, cantante e compositore israeliano proporrà due differenti progetti con due diverse formazioni. Il primo il 23 luglio a Boscoreale, dove presenterà l’ultimo lavoro discografico "Shifting Sands”, pubblicato a maggio di quest’anno con il suo nuovo trio che comprende l’eccezionale pianista Elchin Shirinov e la giovane e talentuosa batterista Roni Kaspi. Domenica 24 luglio, invece, sarà protagonista con Raiz del concerto al tramonto sulla vetta del Vesuvio.

Dal 28 al 31 luglio il festival giunge al Parco Pubblico di Pomigliano d’Arco, nel luogo che ha segnato il successo della rassegna nata nel 1996. Il parco che ha ospitato concerti memorabili di jazzisti leggendari sarà dedicata alle attività di Young Jazz Lab, progetto della fondazione Pomigliano Jazz, finanziato dall’assessorato all’Istruzione della regione Campania e dal ministero della Cultura, realizzato con 12 istituti scolastici campani. Giovedì 28 luglio, dalle 20.30, si esibirà l’Orchestra del Ritmo e dell’Improvvisazione, ensemble nato dall'esperienza annuale di Young Jazz Lab, che ha coinvolto in totale 1600 ragazzi e ragazze dagli 8 ai 18 anni. Dal 29 luglio Pomigliano Jazz entra nel vivo con 3 esibizioni ogni serata. Dalle 20.30, il set electro-jazz del duo composto dal pianista Franco Piccinno e dal producer Marco De Falco inaugurerà il programma dei concerti, dando vita ogni volta a una performance diversa. Protagonisti assoluti della serata di venerdì 29 luglio saranno i leggendari Chucho Valdés e Paquito D’Rivera con il loro Reunion sextet. Con loro, un superbo ensemble che include Diego Urcola alla tromba e al trombone a pistoni, Armando Gola al contrabbasso e al basso elettrico, Dafnis Prieto alla batteria e Roberto Vizcaino Jr alle percussioni. Prima di loro, l’esibizione in duo di Francesco Nastro e Marco Zurzolo con un’anteprima del nuovo progetto prodotto da Itinera, l’etichetta del festival.

Sabato 30 luglio si rinnova l’incontro tra Enzo Avitabile e l’Orchestra Napoletana di Jazz, diretta da Mario Raja. Con una produzione originale che ripercorre dal vivo, con un ensemble di 16 musicisti, il percorso artistico e umano del cantautore e compositore partenopeo attraverso brani significativi, idiomi del mondo, canti devozionali e incontri che hanno segnato la sua vita-musica. In apertura, un curioso live per sola batteria di Claudio Romano dedicato a Max Roach. La serata conclusiva della XXVII edizione, domenica 31 luglio, vedrà in scena il quintetto guidato da Gigi De Rienzo con Marco Zurzolo, Carlo Fimiani, Vittorio Riva e Paolo Sessa col progetto “Viaggio in Italia”. Una rivisitazione di alcune tra le più belle arie del repertorio operistico, canzoni popolari e classici della musica leggera italiana presentate dal vivo in una veste completamente nuova. A seguire, l’Eivind Aarset Quartet presenterà il suo ultimo lavoro, “Phantasmagoria, or A Different Kind of Journey”. Il chitarrista norvegese ritorna a Pomigliano Jazz con la sua particolare formazione - con due batterie - capace di mescolare in modo sapiente energia e creatività, jazz ed elettronica.

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA