Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Prima esecuzione assoluta a Napoli: Stefano Demicheli dirige il concerto ​“Il Cimento di Partenope”

Giovedì 26 Maggio 2022
Prima esecuzione assoluta a Napoli: Stefano Demicheli dirige il concerto “Il Cimento di Partenope”

Si intitola Il Cimento di Partenope il concerto diretto dal maestro Stefano Demicheli dedicato a virtuosismo e sperimentazione tra Napoli e l'Europa che è in programma, in prima esecuzione assoluta, sabato 28 maggio alle  19 nella Chiesa di Santa Caterina da Siena.

Una nuova produzione musicale della fondazione Pietà dè Turchini che vede in scena l'ensemble Talenti Vulcanici in una formazione che accoglie le due soliste Elisa Citterio e Catherine Jones rispettivamente al violino e violoncello barocchi. «Tornano i Talenti Vulcanici» sottolinea Federica Castaldo, presidente della fondazione Pietà dè Turchini - con un nuovo progetto dedicato al repertorio strumentale di scuola napoletana ed un concertato ideato e realizzato a quattro mani da Stefano Demicheli e da Guido Olivieri, professor of musicology all'Università del Texas di Austin nonché tra i massimi esperti del genere».

Il programma musicale, oggetto anche di un'incisione discografica che si realizza grazie al sostegno di Intesa Sanpaolo, propone l'esecuzione e l'ascolto di musiche di Angelo Ragazzi, Nicola Porpora, Nicola Matteis Jr, Emanuele Barbella, Francesco Scarlatti.

«Il programma» aggiunge il musicologo Guido Olivieri «accoglie alcuni preziosi brani inediti e mira a riportare l'attenzione sull'ancor poco conosciuta tradizione della musica per archi a Napoli con pagine di virtuosi napoletani come Angelo Ragazzi, Francesco Scarlatti, Nicola Porpora e in particolar modo Nicola Matteis jr, il cui concerto per violino sarà eseguito in tal contesto per la prima volta».

In questo contesto vanno inserite, inoltre, le due giornate di studio internazionali, il 27 e il 28 maggio a Palazzo Donn'Anna, con un focus su Nicola Matteis padre, violinista della prima metà del seicento che si realizza nell'ambito dell'iniziativa promossa dalla Pietà dè Turchini e dalla fondazione Istituto Italiano per la storia della musica», in collaborazione con la fondazione Ezio de Felice.

Ultimo aggiornamento: 14:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA