A Roberto Vecchioni il premio nazionale «La Ginestra» 2019

Martedì 3 Settembre 2019 di Francesca Mari
A Roberto Vecchioni il premio nazionale «La Ginestra» 2019

TORRE DEL GRECO - Nel suo ultimo disco, intitolato «L’Infinito», Roberto Vecchioni richiama la poetica leopardiana degli ultimi anni a Napoli, quelli vissuti nella villa Ranieri a Torre del Greco e in cui compone le odi «La Ginestra» e «Il tramonto della luna». «A Napoli lui è come in un’atmosfera di sogno, di canti di bambini, di mare. Vede la vita leggermente in un altro modo ed è come se chiedesse una tregua al dolore».

Con queste parole il professore-cantautore commenta il lavoro discografico che è un inno alla vita e, in cui, il file rouge, a partire dal titolo, è proprio il pensiero di Giacomo Leopardi che forse alla vita era attaccato più di quanto si possa pensare. Questo é uno dei motivi per cui il premio nazionale «La Ginestra» per la prima volta non andrà ad un critico o filosofo che ha discusso e interpretato la poetica leopardiana, ma al paroliere Roberto Vecchioni.

La premiazione mercoledì 11 settembre alle 19.30 a Villa Delle Ginestre, residenza napoletana degli ultimi anni del poeta leopardiano. Il premio è organizzato dall’Università Federico II, dalla Fondazione Ente Ville Vesuviane, dal Rotary Club Torre del Greco e Comuni Vesuviani con il contributo della Banca di Credito Popolare. 

«La Giuria ha inteso celebrare questa volta - fanno sapere dall’organizzazione - un disco e un grande  cantante-compositore, uno dei maggiori protagonisti della musica italiana di questi anni. Il musicista è Roberto Vecchioni e il disco si chiama esplicitamente L’infinito. Proprio nella ricorrenza del secondo centenario della composizione dell’Infinito, il testo forse più famoso di Leopardi, non poteva esserci una scelta più giusta e necessaria.

L’album è stato il più venduto in Italia nella categoria assoluta Album Combined e in quella Vinili. Il dato attesta il successo della canzone d’autore e esalta una scelta di resistenza culturale. La distribuzione, senza streaming e download, risulta del tutto coerente al progetto discografico di Vecchioni: non trattare  la musica come prodotto di consumo scaricabile con un click, ma come espressione di idee, veicolo di stati d’animo, sede di emozioni durature e profonde. La scelta del titolo ha un valore simbolico speciale. Segnala l’irradiazione della lirica leopardiana e delle situazioni che l’hanno resa memorabile  nel tessuto dell’esperienza quotidiana e contemporanea».

Ultimo aggiornamento: 11:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA