Anna Fendi e Regina Schrecker,
party alla Fondazione Mondragone

Mercoledì 5 Luglio 2017 di Cristina Cennamo
La stilista ed imprenditrice Anna Fendi

Una serata nel segno dell'alta moda domani sera a partire dalle sei e mezza per gli habitué della Fondazione Mondragone, che ospiterà stavolta l'inaugurazione e presentazione della mostra “Gioielli di filo, ricami e merletto” realizzata su proposta del Commissario straordinario della Fondazione Mondragone Maria d’Elia.
Testimonial dell’evento sarà infatti la stilista Regina Schrecker, famosa anche per essere stata una celebre top model internazionale e soprattutto la musa di Andy Warhol, mentre alla serata parteciperanno numerosi nomi noti della moda campana come Ugo Cilento, Maurizio Marinella, Mario Arzano, Nino Lettieri, Ileana Della Corte ed Alessio Visone. Un parterre di primo piano che sarà arricchito inoltre dalla partecipazione di Anna Fendi, la stilista e imprenditrice italiana che insieme alle sorelle Alda, Carla, Franca e Paola ha fondato il marchio Fendi.

L'iniziativa ospitata dalla struttura di piazzetta Mondragone mira del resto a porre l’attenzione sull’importanza del Museo della Moda, unico nel Mezzogiorno d’Italia, in cui sono esposti abiti preziosi di illustri famiglie nobiliari napoletane. Non a caso del resto tra i progetti del Commissario d’Elia c’è anche quello di rendere la Fondazione polo regionale per la moda maschile e femminile, e di promuovere quindi una serie di mostre ed iniziative culturali a conferma del binomio moda-cultura.

E tra gli ospiti attesi figurano anche il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, la direttrice del Conservatorio San Pietro a Majella Elsa Evangelista, il direttore per le Politiche Culturali della Regione Campania Rosanna Romano, le responsabili per la comunicazione della Fondazione Annella Prisco e Fernanda Speranza, che si uniranno quindi agli invitati per seguire il concerto dal titolo “Una serata all’opera” eseguito a sua volta dai musicisti del Conservatorio San Pietro a Majella nell’attigua Chiesa di Santa Maria delle Grazie.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA