A Ischia arriva il Teatro d’Aosta, gemellaggio con «Pinocchio» nel segno di Rodari

Venerdì 25 Settembre 2020 di Ciro Cenatiempo
Stefania Ventura in
«Anche quest’anno, nonostante tutte le difficoltà del momento, ma con grande gioia, continuiamo a celebrare il gemellaggio tra la nostra compagnia teatrale, il Teatro d’Aosta, e l’isola d’Ischia». Livio Viano, capocomico, attore, regista, vulcanico fondatore del Teatro d’Aosta che da oltre 40 anni non solo si dedica al pubblico giovanile, ma valorizza giovani talenti del palcoscenico, in occasione del centenario della nascita di uno dei più grandi scrittori italiani per ragazzi, Gianni Rodari, non si è lasciato sfuggire l’opportunità di tornare in quella che definisce la sua «seconda patria», l’isola d’Ischia, tra i luoghi amatissimi di Sant’Angelo e Castello Aragonese. «Presenteremo due nostri spettacoli teatrali tratti da opere dello scrittore di Omegna in due luoghi magici dell’isola, a Sant’Angelo e al Castello Aragonese», ricorda infatti Viano. Domani sera alle ore 20 l’ormai classico «Pinocchio», cavallo di battaglia della compagnia, andrà in scena a Sant’Angelo con il ritorno di Stefania Ventura nella parte della protagonista. Lunedì 28 settembre, invece, dalle ore 19.30 al Castello Aragonese, doppio evento: andrà in scena uno spettacolo tratto dalle «Favole al telefono» di Gianni Rodari con il grande Roberto Anglisani e la giovane attrice (e new entry nella compagnia) Amandine Delclos. A seguire, ci sarà «La filastrocca di Pinocchio» con Stefania Ventura e Livio Viano. «Entrambi gli spettacoli saranno dedicati a Mariolino Capuano, il più grande artista vivente dell’isola d’Ischia, che ha dedicato la sua arte pittorica proprio a Pinocchio, protagonista indiscusso dei nostri due lavori», conclude Viano. © RIPRODUZIONE RISERVATA