Eden Teatro torna al San Ferdinando
Un Viviani onirico in chiave argentina

ARTICOLI CORRELATI
di Rossella Grasso

Raffaele Viviani torna in scena al San Ferdinando con «Eden Teatro», il capolavoro del teatro musicale napoletano del '900, riproposto con la regia dell'argentino Alfredo Arias. Una produzione del Teatro Stabile di Napoli-Teatro Nazionale per la stagione del teatro Piazza Eduardo De Filippo che debutterà il 27 febbraio e replicherà fino all'11 marzo. Una prima assoluta che vedrà sul palco un folto gruppo di interpreti quali Mariano Rigillo, Gaia Aprea, Gennaro Di Biase, Mauro Gioia, Gianluca Masiu, Anna Teresa Rossini, Ivano Schiavi, Paolo Serra ed Enzo Turrin. Uno spettacolo musicale che reinterpreta il grande genio di Viviani in chiave onirica, magica, quasi felliniana. 
 


Dopo il grande successo internazionale riscosso dal Circo Equestre Squeglia nel 2014, il regista argentino ritorna a rielaborare un altro spettacolo di Viviani con una delle sue opere più significative e articolate. Una vicenda che esplora le fragilità più recondite dell'essere umano a partire da un gruppo di dive d'avanspettacolo sull'orlo dell'abisso che si contendono una sopravvivenza miserabile sul manifesto e sulle tavole di un teatrino. «Il mio Viviani è un'arrivista - ha detto il regista Alfredo Arias - È divertente, magico, poetico, c'è tutto quello che si ci può aspettare da uno spettacolo della buona rivista». 

«Il senso profondo dello spettacolo è il rimpianto sicuramente affettuoso e divertito, nonostante la parola rimpianto, di un mondo dello spettacolo che non c'è più - ha detto Mariano Rigillo, profondo conoscitore del teatro di Viviani - Con il rammarico della sua assenza e con il desiderio di poterlo reinventare. Forse la cifra più profonda che Arias ha usato potrebbe proprio servire per reinventare questo mondo dello spettacolo del tempo che fu». Il Teatro di Viviani, di uno spettacolo scritto nel 1919 riconferma la sua attualità per i temi e per la mescolanza dei generi. Ad accompagnare gli attori le musiche eseguite dal vivo da Giuseppe Burgarella, Pietro Bentivenga ed Erasmo Petringa, con gli arrangiamenti musicali di Pasquale Catalano.

«Il teatro di Viviani continua ad avere successo per la sua incredibile mescolanza di linguaggi - ha detto Luca De Fusco, Direttore dello Stabile Napoletano - Poi c'è l'amara riflessione su Napoli, anche se Eden Teatro è uno dei suoi testi più gai, più lievi che racconta un mondo dimenticato, quello dell'avanspettacolo. Crediamo molto nella mescolanza di culture, non bisogna aspettarsi un Viviani tradizionale, anche se c'è tantissimo amore per l'autore in questa regia di Arias. Credo che oltre ad ascoltare melodie e temi cari a tutti noi e alla nostra cultura si debba andare a teatro per la curiosità di vedere come un regista argentino, di altra cultura, ha rimescolato e rimodernato questo materiale». Eden Teatro proseguirà la sua turnee all'Eliseo di Roma dal 20 al 29 marzo e all'Athenee Theatre Louis-Jouvet di Parigi dal 24 al 29 maggio, segno che la grande tradizione del teatro partenopeo continua ad appassionare spettatori internazionali.
Giovedì 22 Febbraio 2018, 19:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP