Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Nuovo Teatro Sanità di Napoli, in scena «Settantuno»: un racconto dell'odio dal punto di vista del carnefice

Lunedì 31 Gennaio 2022
Nuovo Teatro Sanità di Napoli, in scena «Settantuno»: un racconto dell'odio dal punto di vista del carnefice

Al Nuovo Teatro Sanità continuano le residenze artistiche per le compagnie under 35. Quattro i gruppi selezionati, che saranno ospiti per una settimana al Nuovo Teatro Sanità, portando in scena una nuova drammaturgia.

Il 5 e il 6 febbraio Contestualmente Teatro presenta «Settantuno», interpretato da Nello Provenzano, per la regia di Riccardo Pisani. Lo spettacolo, che si avvale dei contributi foto e video di Luca Scarpati e dell'aiuto regia di Angela Rosa D'Auria, affronta il tema dell’odio dal punto di vista del carnefice. Costo del biglietto 12 euro. Info e prenotazioni al 3396666426 oppure all'indirizzo e-mail info@nuovoteatrosanita.it. Lo spettacolo non è consigliato ai minori di 14 anni.

Video

«La società in cui viviamo è immersa in dinamiche di odio e sopraffazione e, negli ultimi venti anni, la diffusione dell’accesso a internet ha dato maggior voce a chi, da dietro una tastiera, si sente in diritto di giudicare, offendere e aggredire il prossimo. Il nostro progetto – spiega la compagnia – nasce dall’urgenza di raccontare questa realtà e per farlo abbiamo sviluppato un personaggio che esprima il punto di vista del carnefice. Flaviano è un maschio bianco di quarant’anni che conduce una vita all’insegna dell’odio. Lui racconta e si racconta dal suo punto di vista, ma i suoi tentativi di ostentare ragione e coerenza non fanno altro che palesarne la pochezza umana. Flaviano si nutre dell’odio e della violenza che ogni giorno attraversa il mondo e i suoi eroi, i suoi punti di riferimento, sono tutti coloro che agiscono in nome degli ideali in cui si riflette».

Ultimo aggiornamento: 11:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA