Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Pausilypon Suggestioni all'Imbrunire», ritorna la rassegna con Michele Campanella

Martedì 5 Luglio 2022
«Pausilypon Suggestioni all'Imbrunire», ritorna la rassegna con Michele Campanella

Ritorna la rassegna che incanta Napoli, ritorna Pausilypon Suggestioni all'Imbrunire. Ed è un ritorno che davvero sa di rinascita dopo due anni di Emergenza Covid. Giunta alla sua XIII Edizione, la manifestazione, ideata e curata dal Centro Studi Interdisciplinari Gaiola Onlus, d’intesa con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e paesaggio per il Comune di Napoli, e con il Patrocinio del Comune di Napoli e del Parco Sommerso di Gaiola, si ripropone come raffinato incontro tra archeologia, natura, musica e teatro nella straordinaria cornice dell’antica Villa D’Otium, del I Sec a.C., di Publio Vedio Pollione.

Un progetto culturale nato dal basso per dare nuova vita ad uno dei siti archeologico- naturalistici più importanti della nostra Regione, che negli anni ha acquisito un sempre crescente apprezzamento di pubblico e di critica suggellato nel 2014 dall'accreditamento quale rassegna Stabile del Parco Archeologico-Ambientale del Pausilypon. Dal 9 luglio al 5 agosto, cinque appuntamenti per riscoprire l’incanto del Pausilypon al tramonto, accompagnati dai suoni, le melodie e la voce dell’avanguardia culturale, teatrale e musicale, con la direzione artistica di Serena Improta. La presentazione dell'attesa edizione 2022 si è svolta nella splendida location delle Salette pompeiane presso Palazzo Reale di Napoli. Sono intervenuti Luigi La Rocca, Soprintendente Archeologia Belle Arti e Paesaggio per il Comune di Napoli; Enrico Angelo Stanco, Funzionario responsabile Parco Archeologico Pausilypon; Paola Masucci, presidente del Csi Gaiola onlus; Serena Improta, Direttrice artistica della Rassegna.

Invariata la scelta di «non invasività» portata avanti sin dalla prima edizione, coniugando divulgazione scientifica ed arte senza utilizzare allestimenti scenici, elettronici ed infrastrutturali che possano in qualunque modo alterare il fascino naturale del sito archeologico. Un omaggio in punta di piedi alla straordinaria bellezza del Pausilypon, «il luogo dove finisce il dolore», che ogni anno si traduce in azioni concrete per la conservazione del sito. I proventi della rassegna infatti vengono impiegati in azioni di recupero e restauro del Parco Archeologico del Pausilypon. Tanti i progetti piccoli e grandi realizzati in questi anni, come il progetto di studio e recupero del Calidarium delle terme superiori, il restauro dell'Odeion ed il rifacimento della copertura lignea della cassa armonica dell'orchestra del Teatro. Aprirà la XIII Edizione Sabato 9 Luglio, il pianista, direttore d’orchestra e scrittore Michele Campanella con un eccezionale concerto di musica classica dal titolo Dreams and Tales con tre sonate in Re maggiore di Domenico Scarlatti, le Variazioni sul tema «Ah, vous dirai-je, Maman» di W. Amadeus Mozart e «Quadri di un'esposizione» di Modest Musorgskij. Il maestro, innamorato del Pausilypon, tanto da volerlo nelle copertine degli ultimi due suoi lavori discografici, ha deciso di offrire letteralmente le sue preziose mani perché la rassegna tornasse a vivere.

Un gesto importante e di grande spessore in un momento così difficile per una rassegna che deve fare affidamento solo sull'autofinanziamento per poter assolvere alla sua importante mission. Il secondo appuntamento, il 16 Luglio, vedrà protagonista ancora il pianoforte, questa volta con la musica dell’autore contemporaneo Luigi Esposito che presenterà il suo primo disco insieme al percussionista Emiliano Barrella: «Portami a vedere il mare», dove l'artista racconta in musica il suo rapporto viscerale con il mare. Un connubio perfetto questo, tra la proposta musicale e il luogo che la ospita. A seguire, il 23 luglio, sarà la volta del concerto del duo costituito da Marco Traverso (viola) e Lorenzo Traverso (pianoforte), che spazierà, in un repertorio di musica classica e moderna, tra i brani della storia che più toccano da vicino il cuore degli spettatori. Il 30 luglio ci sposteremo invece nel teatro dell’Odeion, restaurato proprio grazie ai proventi raccolti con le precedenti edizioni della rassegna, per assistere al monologo teatrale di Omar Suleiman «Il giardino delle arance tristi», liberamente tratto da un libro di G. Kanafani, con la regia di Patrizia Di Martino: un racconto delicato ed intimo che però non potrà non coinvolgere gli spettatori emotivamente e fisicamente, immersi come saranno, nel profumo delle arance, il calore di un salotto familiare, e la struggente realtà vissuta dal narratore in prima persona.

Concluderà la rassegna, l’arpa di Stella Gifuni accompagnata dalla fisarmonica di Luigi Belati in «Aria su Corde»: il ritorno di un’artista che ha contribuito alla nascita della Rassegna ai suoi albori, e la cui presenza in questa Edizione della rinascita post pandemia costituisce la forte rappresentazione simbolica di un nuovo inizio. il 5 Agosto, Come sempre ogni appuntamento avrà inizio con un percorso ricco di suggestioni dall'imponente Grotta di Seiano fino all’incontro con gli artisti presso l'area dei teatri. Sarà possibile infatti scegliere l'ingresso allo spettacolo mediante visita guidata, in modo da apprezzare fino in fondo il privilegio di poter ascoltare musica e teatro in una location come il Pausilypon. «In questi ultimi anni le difficoltà sono indubbiamente aumentate, considerando il fermo delle tante attivitá per l'emergenza Covid che ha avuto pesanti ripercussioni in particolare su tutto il mondo del terzo settore artistico-culturale. Ci siamo trovati a dover ricominciare d’accapo, e senza alcun sostegno. Nonostante tutto, ci siamo rimboccati le maniche caparbiamente per mantenere viva una rassegna amata dai napoletani che rappresenta da oltre 10 anni un appuntamento atteso con lo splendore del Pausilypon. Questa edizione, resa possibile anche grazie alla sincera partecipazione emotiva degli artisti, ci tengo a dirlo, ci rende ancor più forti ed orgogliosi, e vogliamo segni un punto di svolta nel futuro della rassegna». dichiara la direttrice artistica Serena Improta.

«Ritorna, dopo 3 lunghi anni, la rassegna del nostro cuore. Un progetto nato 12 anni fa in cui abbiamo sempre fortemente creduto e investito le nostre energie migliori perché oggi questo luogo sublime possa impregnarsi dell’arte per esprimere il meglio di sé stesso e accogliere nuovamente i tanti cittadini che lo amano già e coloro che lo potranno scoprire nella luce suggestiva dell’imbrunire». Dichiara il presidente del Csi Gaiola onlus Paola Masucci. «Felici come Soprintendenza che ritorni questa Rassegna che rappresenta di fatto il simbolo della valorizzazione dei beni culturali e del Paesaggio. Una Rassegna che da oltre 10 anni oltre a portare visibilità al Parco Archeologico e Ambientale del Pausilypon, raccoglie fondi per progetti di restauro che negli anni hanno contribuito al mantenimento del sito. Grandi passi in avanti sono stati fatti in questi anni come numeri e fruizione del pubblico anche grazie a questa manifestazione ed al lavoro congiunto che va avanti da anni tra Pausilypon e Gaiola. Tanto è stato fatto e tanto come Soprintendenza stiamo facendo anche per migliorare ed ampliare ulteriormente la conoscenza dell'area in cui speriamo presto di aprire nuovi percorsi”, dichiara il Sovrintendente Luigi La Rocca. Si comincia, dunque, sabato 9 luglio alle 18.00 con il pianista di fama internazionale Michele Campanella (nella foto) con “Dreams and Tales”. A seguire sarà presentato il suo ultimo libro “Viaggi - Anni di Pellegrinaggio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA