Napoli: l'Auditorium Santa Luisa di Marillac ospita «Artisti uniti per la pace». Uniti per valorizzare la diversità

Primo appuntamento della rassegna «Mediterranea | Cinema e musica tra i due mondi»

la cantante Shura Lipovsky.
la cantante Shura Lipovsky.
Giovedì 7 Dicembre 2023, 16:35
2 Minuti di Lettura

Venerdì 8 dicembre, alle 19:00, all'Auditorium Santa Luisa di Marillac, L'associazione 1506 è lieta di presentare «Artisti uniti per la pace»: primo appuntamento della rassegna cinematografica «Mediterranea | Cinema e musica tra i due mondi»  promossa e finanziata dal Comune di Napoli e della Città Metropolitana di Napoli.

L'evento inizierà con una breve presentazione e seguirà con la proiezione del documentario «Yiddish», della regista olandese Pamela Sturhoofd, in collaborazione con  una delle cantanti più note di questo particolare genere, Shura Lipovsky. E' proprio la Lipovsky ad aver svolto un ruolo di rilancio fondamentale per la musica Yiddish, ma anche per la memoria e la conservazione della cultura. 

Dopo la proiezione, L'evento seguirà con un breve dibattito tra l'artista ed il pubblico, una performance di canto Yiddish ed  il «Concerto per la Pace» con «l’Orchestra Mediterranea Uhanema» del Maestro Vincenzo Romano, Shura Lipovsky e la flautista Marjolijn van Roon.

Video

La rassegna, ideata dalla regista Elisa Flaminia Inno, si pone l'obiettivo di avvicinare il popolo napolatano ad altre culture, generando un clima di rispetto e cooperazione tra tutti i partecipanti. 

La rassegna prosegue con altri tre incontri: 14,18 e 20 dicembre.

Tra le protagoniste ricordiamo le registe Alina Marazzi e Chiara Marotta.

L'ingresso è gratuito fino ad esaurimento posti, si consiglia di prenotare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA