Apre a Napoli uno store
​«Sale della Terra»

Venerdì 21 Maggio 2021 di Giovanni Chianelli
Apre a Napoli uno store «Sale della Terra»

Forse è il sorriso di Carolina, 27 anni, a spiegare tutto con semplicità: “Per studio e lavoro sono finita in vari punti d’Italia. E non sapevo che a pochi chilometri da me c’era una realtà del genere”. La realtà si chiama “Sale della terra”, una rete nazionale di economia civile; è diretta da Angelo Moretti a Benevento, quei pochi chilometri da Napoli cui Carolina alludeva.

Dal 21 maggio il consorzio apre uno store a Napoli, in via Crispi 52. In vendita prodotti provenienti da filiere corte, o meglio cortissime: conserve di pomodori, sughi pronti, pasta, vino e molto altro, dall’artigianato ai libri editi da Marotta & Cafiero. Tutto ciò che è effetto “della coesione sociale nei territori e di una economia, appunto, civile. Non sarà un non-luogo commerciale, un negozio o un punto vendita: sarà uno spazio di incontro e di scambio delle diversità culturali e territoriali” annunciano i responsabili.

Sostenibilità ambientale ed economica, rispetto del lavoro e dei tempi della natura, accoglienza e promozione della persona e delle sue fragilità, eccellenza della filiera di produzione attentamente controllata, filiera corta nella trasformazione dei prodotti, cura nella presentazione e nella scelta dei partner: questi i principi fondativi di “Sale della Terra”. Lo stanno vivendo donne e uomini di varie estrazioni. Migranti, richiedenti asilo, donne vittime di tratta, ex detenuti, disabili e anche quegli italiani che, magari ad una certa età, sono stati tagliati fuori dal mercato del lavoro.

E poi c’è il cinema. Tra i protagonisti dell’apertura del punto napoletano ci sono il manager culturale Rino Pinto e l’attore Massimiliano Gallo, produttori cinematografici con la loro “Fan”: condivideranno gli spazi di via Crispi con i lavoratori del consorzio “Sale della terra” e si occuperanno della produzione di documentari sulle molteplici attività del sodalizio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA