I cicli e “ricicli” della moda partenopea

Giovedì 2 Dicembre 2021 di Salvio Parisi
I cicli e ricicli della moda partenopea

Percorrere il ciclo dell’economia di recupero, la green-losophy e l’abbassamento delle emissioni tossiche sono senza ombra di dubbio un’urgenza, un dovere e un trend.

Lo sanno bene e lo adottano a piene mani molte aziende legate all’industria della moda sia per necessari allineamenti produttivi e sia per cavalcare un’onda positiva, promossa dalle amministrazioni globali e caldeggiata persino dal nostro pontefice.

 

A Napoli è appena nata “The Second Life” che Paola Greco ha accolto e presentato nel suo store Le Zirre in via Carducci con un grazioso rendez vous eco-sostenibile e pet-friendly.

«Rispetto della natura e degli animali, ricerca e recupero di tessuti pregiati, destinati alla produzione di borse e accessori che si distinguono per unicità e stile: questa capsule collection è nata grazie ad un progetto di economia circolare realizzato con Carpisa, Logeco e Azzero CO2. Alcuni pezzi sono stati ideati dagli studenti del corso di Laurea in Design per la Moda della Università Vanvitelli», ha sottolineato la Greco.

La riduzione del CO2 in questo progetto di partnership è stata certificata dalla azienda AzzeroCO2, mentre il ricavato della vendita di questa linea sarà devoluto all’associazione animalista campana “Le Amiche di Lu” onlus.

Dalle parole di Papa Francesco: «La promozione di un'economia circolare e l'approccio “ridurre, riutilizzare, riciclare” sono anche molto in consonanza con il consumo sostenibile e i modelli di produzione promossi nei 12 punti degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite. Il consumo e la produzione sostenibile puntano a “fare di più e meglio con meno”, aumentando i benefici in termini di benessere tratti dalle attività economiche, attraverso la riduzione dell’impiego di materie prime, riducendo degrado e inquinamento nell’intero ciclo produttivo, migliorando così la qualità della vita».

Tra i presenti all’evento le attrici Cristina Donadio e Miriam Candurro, Alessandra Cirafici, presidente del Corso di Laurea in Design per la Moda, Maria Dolores Morelli cattedra Design della Moda, Carla della Corte presidente di Confcommercio Campania, Maria Elena Altieri di Altide, Giuliana Giliberti, Marina Ascione, Gisella Gallotta, Aldo e Paola Morra, Patrizia Cofano, Serenella Signoriello, Mariolina Delfino, Sabrina Testa delle Amiche di LU onlus, Roberta Buccino Grimaldi, Carmen Roberti, Valentina Visconti, Patrizia Martinelli, Irene Iacovelli, Fabio Migliaccio, Serena Savanelli e Simona Keller.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA