CORONAVIRUS

Ludovica Nasti: chiacchiere dal sofà e consigli anti-noia: «Io resto a casa»

Sabato 28 Marzo 2020 di Salvio Parisi
Ludovica Nasti: chiacchiere dal sofà e consigli «anti noia» ​​
#IoRestoACasa

Più che «dal sofà» per lei l’appuntamento è dallo scrittoio in cameretta: Ludovica Nasti, la giovanissima protagonista de «L’amica geniale», napoletana, anzi “puteolana come la Loren” (come le piace sottolineare), bella, disinvolta e determinata, come l’abbiamo vista sui set della serie tv e nelle diverse apparizioni televisive, autrice di un brano intitolato “Qualcosa di geniale” e persino di una speciale autobiografia (dai contenuti ancora top secret) in uscita tra poche settimane, edita da Rizzoli Mondadori.
 

 
 
Allora Ludovica,
Non si va a scuola e per il momento non si possono fare nuovi provini o progetti “professionali”. Però la scuola viene a casa, in cameretta o in salotto: così via skype ogni mattina si torna virtualmente in classe e si studia in diretta coi prof fino a ora di pranzo per poi fare i compiti al pomeriggio.
Ma proviamo a raccontare un po’ del tuo tempo libero, qualche momento o curiosità del tuo #IoRestoACasa. 
Com’è composta la famiglia con cui stai condividendo questa quarantena?

Sono coi miei genitori, mia sorella maggiore e suo figlio di pochi anni (…sì, sono zia!), mentre mio fratello vive non lontano da qui con la compagna, che è in dolce attesa.
 
Bene! Anzitutto, giochi tradizionali o digitali? Quali?
…Entrambi, ma preferisco i giochi di società, quelli da tavolo come il monopoly o scala quaranta: ci gioco volentieri con tutta la family!

Cucina: ti piace cucinare con la tua mamma?
E certo: pensavo di essere proprio negata, invece con mamma sto facendo un po’ di pratica con gli ingredienti, gli impasti, la cottura e il forno… Panettone che passione!
Cosa sai preparare e qual è il tuo piatto o dessert più goloso?
A parte il ciambellone, qualche giorno fa abbiamo fatto la pizza: tante pizze per tutta la famiglia! Io vado pazza…
 
La moda è la passione e il lavoro della tua mamma, ma qual è il tuo genere, il tuo look ideale o di questo periodo a casa?
Io sono tra lo sportivo e il comodo: anche in questi giorni col mio capo ideale: l’hoodie, cioè la felpa con cappuccio, magari un po’ larga e rigorosamente bianca o nera! Altra cosa invece per gli eventi o una serata: lì ovviamente indosso un abito elegante…
 
Musica:
hai partecipato ai flashmob dal balcone? Cos’hai cantato?
bhè non proprio al balcone, ma ho cantato Abbracciame del mio amico Andrea Sannino…
gruppi o cantanti del cuore?
Pino Daniele: conosco tutte le sue canzoni, io lo adoro…
dammi una tua playlist di quattro pezzi per animare il weekend.
senz’altro Yes i know my way di Pinoooo
Ti volevo dedicare di Rocco Hunt
Don’t start now di Dua Lipa
No te enamores di Paloma Mami
 
Sport, danza oppure il tuo nuovo hobby “domestico” di questi giorni?
Bhè io sono un’aspirante calciatrice di tredici anni, ma ora come ora non posso allenarmi; così mi sono organizzata e attrezzata a cantare, mi diverto col karaoke e faccio show coi miei familiari o con gli amici nelle mie dirette ogni pomeriggio verso le quattro…
 
Web & tv:
col permesso dei tuoi genitori, chi o cosa segui sui social e YouTube?
…Mhà, guardo dirette di artisti, seguo i miei amici di scuola, seguo Serena Rossi e Davide (suo marito), Patrizio Rispo e Andrea Sannino. Poi guardo tanti video musicali su YouTube…
E invece quali sono le tue preferenze televisive?
Varie serie su Netflix: Stranger Things, Riverdale, Gossip Girl, Alexia e Katie…
 
Una curiosità: riguardandoti nei tuoi panni di attrice, cos’è che più ti piace di te e cosa avresti voluto eliminare o recitare diversamente?
…Sono sempre presa dalle emozioni, ma sono piuttosto critica: ad esempio voglio migliorare la mia cadenza e la dizione.
 
Chi sono le tue icone televisive o cinematografiche?
Sì, Milly Bobby Brown, che ho conosciuto da Stranger Things, e Cole Sprouse, uno dei gemelli di Zack e Cody, ma prima di tutti io sono una follower e appassionata di Sofia Loren: lei è il mio mito!
 
E ora per concludere una tua idea «anti-noia» con cui distrarsi dalla tensione coronavirus e dal clima rallentato di queste giornate.
Io penso che dovremmo cercare e trovare anche del bene in questa situazione di disagio: siamo finalmente tutti uniti, in famiglia, ci riscopriamo insieme dalla colazione, parliamo in armonia, ci aiutiamo, scambiamo…
Insomma, abbiamo finalmente l’occasione: ci amiamo.

Ultimo aggiornamento: 20:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA