​Priscilla, chiacchiere dal sofà e consigli anti-noia: «Io resto a casa»

Giovedì 26 Marzo 2020 di Salvio Parisi
​Priscilla: chiacchiere dal sofà e consigli «anti noia» 
#IoRestoACasa

Le ordinanze amministrative si susseguono e si perfezionano, ma ribadiscono fermamente la chiusura degli esercizi e il divieto di circolare: con poche eccezioni ben specificate, tutti abbiamo obbligo di rimanere in casa.
Così #IoRestoACasa è l’hashtag che da qualche giorno guida questa rubrica di appuntamenti col racconto di vicende o iniziative casalinghe dai napoletani popolari e social nella musica, l’arte o lo show bitz.

Napoli ore 21: incontro al telefono con Priscilla, in relax dopo il digital show di 40 minuti in diretta social. Al secolo Mariano Gallo, è un attore e una drag queen da Napoli al resto del globo: richiesto entertainer e versatile talento da palcoscenico fra club e teatri d’Italia, ma indiscussa regina in estate dei più patinati show serali e notturni al Jackie’o di Mykonos, l’isola più glamour delle Cicladi.
 

 
  
Allora Mariano,
L’ultimo decreto governativo pare davvero blindare fino a tempi migliori il mondo dell'entertainment e lo spettacolo con la chiusura di club, bar, teatri o cinema e i vari luoghi d'aggregazione. Oltretutto i trasporti e in particolare le compagnie aeree hanno ridotto o cancellato parecchie tratte almeno per i prossimi tempi.
Come e dove indirizzi in questo tempo di stand-by i tuoi progetti lavorativi?

Freeze! Ad oggi è tutto sospeso, anzi congelato, per non dire annullato: un impegno a Città del Messico a inizi Aprile e dal 16 «Dignità autonome di prostituzione» con Melchionne al Bellini; naturalmente è in stand-by anche la partenza di fine Maggio per Mykonos.  
 
I pomeriggi e le serate dai tuoi profili social sembrano impegnarti non poco: se fossi in un club o un teatro sarebbero sold out...
In tanti interagiscono e scrivono durante i miei make-up set alle 18 e il drag show puntuale alle 20: era iniziato come il mio esercizio passatempo, il “Diario di Priscilla”, ma in pochissime puntate è diventato un appuntamento irrinunciabile prima per me e il mio benessere psicologico. Contatti da ogni dove: i follower italiani, ma anche nord Europa e Stati Uniti. Il racconto diventa confidenziale e sincero: una sorta di confessionile con amici virtuali (ma non solo), episodi dal passato, incontri e amori, il mio outing e soprattutto la famiglia, le dichiarazioni d’affetto con mio padre e mio fratello, che non ero mai riuscito a fare prima. In realtà è il ”Diario di Mariano”…
 
E allora proviamo a entrare nel vivo del tuo #IoRestoACasa.
La famiglia: Mariano, Will, Jack e Grace. Come organizzi questa variegata convivenza?
Come nella serie tv “Will & Grace”, io sono Karen (manco a dirlo), Will è il mio adorato bassotto tedesco, mentre Jack è un soriano rosso, coccolone e rilassato, e Grace una gattina nera, aristocratica e autoritaria …anche perché è consapevole di essere l’unica (vera) femmina in casa!
 
Quella cosa che aspettavi un bel po' di tempo libero per fare e finalmente ora a casa...? 
Senza dubbio il mio quotidiano “Diario di Priscilla”: un momento emotivo e liberatorio, quasi terapeutico.
 
Di certo per come l'hai organizzato hai un day plan ricco di spunte: descrivici... 
> body care & fitness

dopo colazione sempre un’ora di allenamento: con o senza il mio trainer (in video collegamento). Il corpo è la mia limousine…
> dance session
…si chiama “dancing quarantine” e in mezza mattinata con la scusa di provare le coreografie, improvviso medley durante i mestieri per casa (…insomma, come Freddie in “I want to break free”): sapessi in in quanti ormai mi inviano le loro mini performance casalinghe!
> cucina & wellness
Ah bene: la mia cucina è assolutamente equilibrata, leggera e… qui siamo tutti vegetariani!
> beauty & grooming
puoi immaginare che è un aspetto fondamentale per il mio lavoro e ogni pomeriggio il set-up della postazione trucco&parrucco è un rito importante e accurato.
> canto & lip sync
anche questo è un esercizio necessario, costante e in continua evoluzione: ripasso sempre i pezzi in repertorio e provo quelli nuovi.
> tutorial & dirette social
bhè, dalle 17 preparo la base e alle 18 inizio col make-up, poi un’ora di pausa per la vestizione in camerino (abito, scarpe, accessori e lustrini vari: tutto approntato prima) e alle 20 si va in scena!
 
Dopo tutto ciò, trovi mica il tempo per altro? Lettura, tv, parole crociate o ...?
Ma certo che sì! Il dopocena è dedicato a un buon libro o alle poesie di Alda (Merini): “E poi fate l’amore”, la sua meravigliosa ode ai veri sentimenti per i giovani, l’ho riletta ieri. Tra poco continuo “Fuoco è tutto ciò che siamo” di Guido Saraceni.
 
Una tua breve playlist antidepressiva.
Sicuramente in questo clima “I will survive” della nostra Gloria (Gaynor)! E poi… “I am what I am”, “Can’t take my eyes off of you” di Boys Town Gang e chiudo con “Think” di Aretha.
 
È tempo di solidarietà e volontariato: un dovere, un’urgenza e una spinta.
Cosa e come si può fare da casa? 

Ne parlo e scrivo di continuo sui social: sto supportando Il Camper onlus, un collettivo di volontari napoletani che con un van itinerante in questo momento praticano screening e test di salute ai senzatetto, li forniscono di presidi come mascherine e guanti, li indirizzano ai dormitori e i centri di controllo, poiché proprio loro ora sono particolarmente esposti e abbandonati. L’hashtag è #IoRestoConChiNonHaCasa e in tanti mi hanno contattato per fare donazioni, anche Luciano Fiore, che confeziona i miei abiti, ha iniziato a produrre per loro mascherine coi tessuti dal magazzino della sartoria.
 
E per concludere un tuo suggerimento «anti-noia» all’Italia positiva, estrosa e reattiva con cui distrarsi dall’ansia pandemia e dal clima rallentato di queste giornate.
Ah, senza dubbio il “dancing quarantine” che ho iniziato per caso alla mattina: vi invito tutti a inciuciarvi, filmarvi e postarvi! E’ distrazione, è passatempo e (perche no?) divertimento, è l’effetto antidepressivo dell’entertainment!

Ultimo aggiornamento: 13:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA