Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Afragola, a rischio anno scolastico per il piccolo disabile Alessandro: «Non ci sono insegnanti di sostegno»

Giovedì 11 Agosto 2022 di Rosaria Rocca
Afragola, a rischio anno scolastico per il piccolo disabile Alessandro: «Non ci sono insegnanti di sostegno»

La campanella rischia di non suonare a settembre per il piccolo Alessandro. Ha solo 9 anni ed è affetto da Leucodistrofia spastica. La famiglia si è trasferita da poco da Modena ad Afragola sperando di poter ricominciare con l’appoggio dei parenti. L’indignazione, purtroppo, ben presto ha preso il posto della gioia. Molte scuole, secondo quanto raccontato, non avrebbero accettato l’iscrizione del piccolo perché sarebbero carenti di supporto per la disabilità. 

Alessandro dovrebbe frequentare la quinta elementare il prossimo anno e prepararsi alla nuova avventura per le scuole medie. La famiglia, dopo l’ennesimo tentativo, si è rivolta all’associazione, che tutela i diritti dei disabili, La battaglia di Andrea: «La mamma e la zia del piccolo ci hanno chiamati e noi subito abbiamo allertato le istituzioni locali, ma ad oggi c'è la risposta negativa di molte scuole. Si giustificano dicendo che gli organici sono al completo e non ci sono insegnanti di sostegno o comunque supporto per il piccolo». 

Il presidente dell’associazione Asia Maraucci chiede un intervento tempestivo: «Capiamo il periodo particolare di ferie ma un bambino disabile non deve essere parcheggiato finché non finiscono le vacanze, senza poter conoscere il proprio destino. Il piccolo si è trasferito con la sua famiglia da una città all'altra ad agosto. Se è permesso cambiare scuola, deve essere anche permesso richiedere il sostegno». 

L’associazione ha già aperto un dialogo, oltre che con le istituzioni locali, con il Sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso

© RIPRODUZIONE RISERVATA