Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Al Palapartenope torna il Premio Abio Napoli: è festa per i piccoli pazienti dei reparti pediatrici

Giovedì 26 Maggio 2022 di Enrica Buongiorno
Al Palapartenope torna il Premio Abio Napoli: è festa per i piccoli pazienti dei reparti pediatrici

Una festa che premia le bambine e i bambini ricoverati nei reparti pediatrici di Napoli e provincia. Al via, sabato 28 maggio al Palapartenope alle 15, la 20esima edizione di “Ci credete che siamo tutti artisti?” il Premio Abio Napoli che trasforma i piccoli pazienti in grandi artisti. Con circa 10.500 disegni raccolti e altrettanti piccoli vincitori, questa è da sempre la manifestazione più attesa non solo dai bambini ma anche da tutti i volontari che hanno la possibilità di premiare con una “medaglia al valore” i piccoli pazienti. A presentare l’evento, patrocinato dal Comune di Napoli e dall’azienda Santobono Pausilipon, Salvatore Calise e Miriam Candurro.

Giochi, gadgets, animazione per una vera e propria festa organizzata dai volontari di Abio Napoli (Associazione per il bambino in ospedale) con la collaborazione di Casper Animation, Magicabula, Eta Beta, Ralph Pollastro, Scarabocchio, Ole e Ilvia e il Liceo Professionale Danza diretto dal Prof. Roberto Prete. 

Video

Il “Premio Napoli per l’Infanzia” quest’anno sarà consegnato a Tam Tam Basket e a La Casa di Matteo che si sono particolarmente distinte sul territorio per interventi a favore di bambini e adolescenti. Tam Tam Basket viene premiata per aver fatto dello sport un prezioso strumento di inclusione sociale e per aver favorito l’approvazione in Parlamento della “norma salva Tam Tam Basket” grazie alla quale oggi, in Italia, circa 800000 figli di extracomunitari, possono godere nello sport degli stessi diritti dei loro coetanei nati da genitori Italiani. La casa di Matteo riceve il premio per il costante impegno al fianco dei bambini e dei ragazzi con gravi patologie e per le attività di accoglienza messe in atto per i bambini in fuga dalla guerra. Il Premio ABIO è testimonianza dell’impegno e del lavoro dei volontari di Abio Napoli, ma soprattutto l’affermazione che la solidarietà è un valore indispensabile. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA