Anoressia e altre malattie, la Fondazione Ananke: «Basta slogan sui disagi mentali in campagna elettorale»

Anoressia e altre malattie, la Fondazione Ananke: «Basta slogan sui disagi mentali in campagna elettorale»
Lunedì 29 Agosto 2022, 13:09
3 Minuti di Lettura

«Non si può essere a favore o contro una malattia, sull’anoressia e le dipendenze occorre consapevolezza da parte di tutti». È questa la posizione della Fondazione Ananke riguardo ad alcune recenti dichiarazioni politiche su fenomeni quali le anoressie, l’obesità, le ludopatie, le dipendenze patologiche. La Fondazione da anni, avvalendosi dei maggiori esperti, si occupa di tali disagi. 

«Parlare di devianza rispetto ai disturbi del comportamento alimentare rischia di escludere la sofferenza riducendo il dolore di chi ne soffre ad una mera controversia sul piano pedagogico» è la riflessione di Luigi Cabua, membro del comitato scientifico di Fondazione Ananke, che ha sede a Villa Miralago.

I dati più recenti dell’Istituto Superiore di Sanità hanno mostrato che a soffrire di disordini alimentari sono circa 3 milioni di italiani, in prevalenza giovani e giovanissimi.

Alberto Pozzoli, Presidente della Fondazione dichiara che «dovrebbe esserci in primis maggiore consapevolezza e conoscenza di queste patologie psichiatriche, solo così sarebbe possibile creare reti che possano garantire le cure».

Per gli esperti della rete Ananke la creazione di etichette è pericolosa, perché induce l’idea che sia possibile una soluzione magica e semplicistica e non stimola la cura che invece dovrebbe essere una scelta consapevole e faticosa. «L’uso di slogan intorno al disagio mentale e, da qualsiasi parte provenga, alimenta la solitudine» affermano Alessandro Poddesu e Simona Pisu, psicoterapeuti e responsabili per la Sardegna di Ananke.

L’utilizzo di linguaggi appropriati e la necessità di dare peso alle parole, sembra infatti un elemento essenziale per avvicinarsi a giovani con identità già tanto fragili.

Per Eugenia Dozio coordinatrice dell’equipe nutrizionale di Villa Miralago: «La svalutazione della sofferenza dei pazienti e delle loro famiglie “crea il vuoto” che ulteriormente disorienta la cura e aumenta il senso di impotenza.»

Intervistata dal meeting di Rimini, Nuccia Morselli psicologa e psicoterapeuta, aggiunge: «La professionalità degli psicologi e degli esperti deve essere consultata quando sui tavoli tecnici si dispongono piani di intervento nelle politiche giovanili, scolastiche ed educative».

Per Domiziana Giola psicoterapeuta di Como, «serve maggiore consapevolezza dei fenomeni clinici che ci circondano per orientare il pensiero e le azioni anche di coloro che ci governano».

Fenomeni criminali quali le babygang, non possono certo essere messi sullo stesso piano di patologie che causano sofferenza in migliaia di giovani.

In definitiva, se non si possiedono le necessarie competenze, è probabilmente meglio astenersi dal commentare imprudentemente fenomeni estremamente complessi. Può essere sbagliato, infatti, sia accomunare le dipendenze patologiche, le anoressie e l’obesità alle cosiddette “devianze” giovanili, sia, altrettanto errato, inneggiare a queste ultime.

© RIPRODUZIONE RISERVATA