Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Carceri, a Secondigliano il concerto di Andrea Sannino per i detenuti

Venerdì 29 Luglio 2022
Carceri, a Secondigliano il concerto di Andrea Sannino per i detenuti

È in programma per lunedì 1 agosto 2022, alle ore 10, nella casa circondariale di Secondigliano, il concerto di Andrea Sannino, che si esibirà davanti ad un pubblico di detenuti, molti dei quali nella sua musica si identificano e con i suoi testi sognano. Non sarà il solo a calcare il palcoscenico del teatro del carcere: ci saranno alcuni sketch comici portati in scena da Alessandro Bolide, attore di "Made in Sud". Presenta l'evento l'attrice di «un posto al sole» Imma Pirone

L'evento, promosso dal garante dei diritti delle persone sottoposte a misura restrittiva della libertà personale, Samuele Ciambriello, in collaborazione con l'associazione «Terra Mia», presieduta da Sergio Morra, rientra nella più ampia iniziativa "Luglio Musicale". Il concerto di Andrea Sannino a Secondigliano chiuderà questo viaggio di musica, parole ed emozioni nelle carceri campane, che ha avuto per protagonisti diversi artisti: cantanti neomelodici, tenori e musicisti di fama nazionale e internazionale. «La musica porta spensieratezza, genera emozioni. In molte canzoni ci si identifica, molti testi è come se parlassero dei nostri sogni, della vita che è stata e di quella che potrebbe essere. La musica genera bellezza e, per questo, ho ritenuto così importante dedicare questo mese di luglio agli eventi musicali nelle carceri. Tutti insieme - ha detto il garante, Samuele Ciambriello - dobbiamo imparare a prenderci cura delle cose belle; è importante offrire momenti di bellezza anche alle persone private della libertà personali, che devono credere nella possibilità di un futuro diverso una volta varcati i cancelli d'uscita del carcere. La musica consente tutto questo: produce si emozioni, ma induce anche alla riflessione su se stessi e sugli altri». 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA