Classiche napoletane per i detenuti di Poggioreale: «La pena non sia solo dolore»

di Nello Fontanella

Il repertorio classico napoletano dal 600 e fino alla fine del 900: da Michellemmà a o’ Sarracino passando per O’ Sole mio.  Un’ora di canzone napoletane per i detenuti dei padiglioni Genova (definitivi) e Firenze (nuovi arrivi)del carcere di Poggioreale, a cura del coro di Massabielle (dalla grotta di Lourdes) organizzato dall’associazione “Carcere Vi.Vo” volontari  Vincenziani del presidente Carmine Uccello.  Oltre cento detenuti, giovani e meno giovani e con reati vari, che per un’ora hanno cantato insieme alle coriste dirette da Ninì Spinelli e accompagnate al piano dalla maestra Lucia Piatto. Detenuti con pena definitivi e nuovi arrivati che hanno socializzato con i volontari dell’associazione contando e accompagnando con le mani i brani.  

Prima del coro si sono esibiti alcuni detenuti, uno in particolare che ha cantato l’Ave Maria nella versione di Mario Merola. Nella chiesa dell’istituto penitenziario, dove si è tenuto lo spettacolo, con il presidente Carmine uccello, c’erano anche l’avvocato Patrizia Sannino e il responsabile dell’area pedagogica del carcere  Ercole Formisano, oltre alla direttrice Maria Luisa Palma. “E’ stata un’ora di totale generosità – ha detto la direttrice di Poggioreale Maria Luisa Palma – generosi voi dell’associazione e generosi noi con questa voglia di accoglienza che abbiamo. Apriamo volentieri le porte a quanti vogliono aiutarci”. Nella chiesa anche un particolare gruppo di agenti specializzati in questi tipi di sorveglianza.

“A noi spiace quando si parla di inferno Poggioreale – ha detto ancora la direttrice Palma – qui invece si lavora, si fa attività. Facciamo in modo che la pena non sia solo dolore, tante attività che coinvolgono anche gli agenti che servono anche a stemperare le tensioni”. L’organico in servizio a Poggioreale conta oggi 730 agenti a fronte di un organico che ne prevede 911 per 2400 detenuti. “Spesso – ha detto infine il comandante della Penitenziaria – questi agenti si trattengono anche al di fuori dell’orario di servizio senza percepire straordinario. E anche questa è solidarietà e generosità”. L’associazione Carcere Vi.Vo si occupa del sostegno ai detenuti, e alle famiglie, degli istituti di Poggioreale, Secondigliano e Pozzuoli, con colloqui, incontri e progetti anche al di fuori delle mura del carcere.
 
Venerdì 15 Marzo 2019, 19:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP