Clima, scioglimento dei ghiacciai: oltre 1000 laghi sulle Alpi svizzere

Mercoledì 21 Luglio 2021
Clima, scioglimento dei ghiacciai: oltre 1000 laghi sulle alpi svizzere

Preoccupa la repentina creazione di nuovi laghi sulle alpi svizzere, nati dallo scioglimento dei ghiacciai. Ad analizzare lo scenario è il nuovo inventario effettuato dall'Istituto federale per l'approvvigionamento, la depurazione e la protezione delle acque (Eawag): in Svizzera, dalla fine della piccola era glaciale, intorno al 1850, circa 1.200 nuovi laghi sono apparsi nelle antiche regioni glaciali delle Alpi. Un migliaio esistono ancora oggi. «Siamo rimasti sorpresi, da una parte per il loro numero impressionante e dall'altra a causa della loro formazione molto più rapida», spiega Daniel Odermatt, responsabile del gruppo di telerilevamento presso l'istituto di ricerca sull'acqua Eawag, citato in un comunicato. «All'inizio del progetto, ci aspettavamo qualche centinaio di laghi glaciali. Ora ce ne sono più di mille, e 180 si sono aggiunti solo nell'ultimo decennio», aggiunge.

Meteo, l'Italia nella morsa del maltempo: allerta in Sicilia e in Campania. A Palermo violento nubifragio

Quando i campi di ghiaccio a volte enormi si ritirano, spesso lasciano depressioni naturali e dighe nel paesaggio arido. I bacini si riempiono di acqua di disgelo e compaiono nuovi laghi glaciali, spiega il comunicato. Nel 2016, i laghi glaciali svizzeri ricoprivano una superficie di circa 620 ettari. Il più grande misurava 40 ettari, oltre il 90% erano però inferiori a un ettaro. La formazione dei laghi glaciali - spiega il comunicato - ha raggiunto un primo picco tra il 1946 e il 1973 con l'apparizione di otto nuovi laghi all'anno in media. A questo è seguito un periodo di calma. Ma tra il 2006 e il 2016, il tasso di formazione di nuovi laghi glaciali è aumentato significativamente, superando nettamente il picco precedente. In media, ogni anno si sono formati 18 nuovi laghi e l'area acquatica è aumentata ogni anno di oltre 150.000 metri quadrati, «prova visibile del cambiamento climatico nelle Alpi». Circa un quarto dei nuovi laghi si è però ristretto o è completamente scomparso, a causa dei sedimenti trasportati in permanenza dai ghiacciai che li hanno riempiti a poco a poco.

Ultimo aggiornamento: 16:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA