Aiuti alle mense e alle chiese: quanta solidarietà dal Corpo Internazionale di Soccorso

Mercoledì 23 Dicembre 2020
Aiuti alle mense e alle chiese: quanta solidarietà dal Corpo Internazionale di Soccorso

Esiste un nesso inevitabile che lega la pandemia a questo Natale: la grande richiesta di aiuti umanitari. In tal senso, ancora una volta a Napoli e in Campania, si distingue l’opera del Corpo Internazionale di Soccorso Costantiniano che già a novembre si era mobilitato per la consegna di generi alimentari alla Basilica di Santa Lucia a Mare, dove padre Giuseppe Carmelo gestisce una mensa per i poveri, con circa 80 ospiti al giorno: solo in questa chiesta sono stati consegnati circa tremila pasti. Il Corpo ha poi sottoscritto, insieme all’Associazione nazionale pedagogisti (ANPE), un protocollo “per l’impegno educativo a distanza”, per prendere posizione davanti a possibili scenari futuri che potrebbero nascondere l’ombra di una catastrofe educativa. Il Corpo Internazionale e l’ANPE supporteranno giovani e genitori con un impegno educativo a distanza offerto gratuitamente: Anna De Luca è la referente per Napoli e Caserta.

Continua in questi giorni la raccolta di donazioni a favore dei territori martoriati del Libano, così come la consegna di generi alimentari all’istituto delle “Suore Francescane adoratrici della Santa Croce” di Casoria, scelto grazie alla vasta area di competenza che hanno sul territorio: sono infatti particolarmente vicine alla mensa di Madre Teresa di Calcutta, alle suore Francescane Elisabettine di San Ludovico da Casoria, alla chiesa di Santa Maria Francesca delle Cinque Piaghe, alla mensa del Carmine. Nemmeno quest’anno è mancata la distribuzione dei donativi che il Banco di prima necessità e solidarietà – costola del Corpo di Soccorso – ha raccolto sul territorio per destinarli alle parrocchie e ai presidi solidali che ne hanno fatto richiesta. Hanno contribuito in maniera particolare alla raccolta di generi alimentari, di igiene, di abbigliamento e di farmaci, il presidente del Corpo di Soccorso Costantiniano, marchese Pierluigi Sanfelice di Bagnoli (nella foto) e l’avvocato Gerardo Mariano Rocco di Torrepadula, delegato per la Campania degli Ordini Dinastici della Casa Reale di Savoia. Hanno beneficiato dei donativi la chiesa della Resurrezione di Nostro Signore Gesù Cristo, il centro diocesano della Pastorale carceraria di Napoli, la chiesa di Nostra Signora di Lourdes, il presidio solidale diocesano del quartiere Sanità, la chiesa di  Sant’Onofrio Anacoreta dei Vecchi, la chiesa dell’Immacolata a Pizzofalcone, le parrocchie di Santa Maria del Soccorso, della Beata Vergine Immacolata e del Sacro Cuore di Gesù  a Torre Annunziata.

Sono infine iniziate e continueranno nel mese di dicembre le donazioni di sangue che i membri del Corpo Internazionale effettueranno presso l’A.DO.S. a testimonianza della continua e lodevole attenzione verso le esigenze degli ultimi e dei

© RIPRODUZIONE RISERVATA