«Differenza come Uguaglianza» gli eventi in onore della giornata contro la violenza sulle donne

Gli eventi legati alla giornata contro la violenza sulle donne per dire no agli stereotipi di genere. In piazza Troisi uno shooting fotografico gratuito rivolto alle nostre concittadine per un’opera d’arte collettiva.

Locandina e calendario dell'evento
Locandina e calendario dell'evento
Mercoledì 9 Novembre 2022, 22:13
3 Minuti di Lettura

Si chiama «Differenza come Uguaglianza» il programma di eventi messo in campo dal Sindaco Giorgio Zinno per la Giornata contro la violenza sulle donne che si celebra il 25 novembre. D’accordo con l’assessore Simona D’Agostino, sono pronti a prendere il via gli appuntamenti incentrati sulla sensibilizzazione e sulla conoscenza di questo terribile fenomeno , con l’obiettivo di coinvolgere tutta la comunità. Sabato 12 novembre in piazza Troisi dalle 10.00 alle 17.00, si svolgerà il primo shooting fotografico gratuito dal titolo «Volto di donna», rivolto alle cittadine sangiorgesi.

Tutti i volti delle donne comporranno poi un’unica grande opera d’arte che verrà installata in Villa Bruno. Il 19 e 26 novembre invece: screening gratuiti in piazza Troisi, a cura dell’Avis per tutte le donatrici di sangue. Sarà possibile effettuare ecografie tiroidee e senologiche. Spazio anche allo sport attraverso la partnership con la società Napoli Calcio Femminile. Le giovani calciatrici professioniste hanno già incontrato gli studenti presso alcune scuole del territorio, sfatando i tabù legati a quelle discipline sportive ancora percepite come maschili. Il 21 novembre poi, gli studenti assisteranno gratuitamente al match di campionato tra Napoli e Brescia femminile, mentre il 26 e 27 novembre presso il Palaveliero corsi gratuiti di autodifesa personale rivolti alle ragazze fra i 14 e i 18 anni.

Infine il 28 novembre, dal Villaggio Corsicato partirà un corteo delle studentesse degli istituti superiori della città che arriverà in Villa Bruno, dove si svolgerà un incontro sui diritti delle donne, dal titolo: «Asra e le sue sorelle», in riferimento alla studentessa iraniana uccisa pochi giorni fa, per essersi rifiutata di cantare un inno all'Ayatollah. Il programma di appuntamenti terminerà il 29 novembre con un incontro sulla violenza di genere, rivolto questa volta agli studenti delle scuole secondarie di primo grado.

Si tratta del secondo evento su questo stesso argomento, dopo quello di oggi che si è svolto in Fonderia Righetti. «La violenza di genere è ancora un fenomeno allarmante – ha detto il Sindaco Giorgio Zinno. E nonostante tanti sforzi, è evidente che abbiamo ancora bisogno di continuare a sensibilizzare le comunità, soprattutto i nostri giovani, coinvolgendoli in prima persona. Osteggiare ogni forma di sopruso significa battersi in nome della dignità umana, della civiltà e di quei principi che oggi, nella società contemporanea, vengono ancora calpestati».

© RIPRODUZIONE RISERVATA