Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Gigi D'Alessio testimonial della donazione di 50mila euro per curare i più piccoli

Martedì 28 Dicembre 2021 di Giuliana Covella
Gigi D'Alessio testimonial della donazione di 50mila euro per curare i più piccoli

«Donare e dare è il mood della vita. Una persona sta bene quando dona, non quando riceve, soprattutto quando si tratta di bambini. E i napoletani sono sempre i primi a rispondere agli appelli alla solidarietà». Così Gigi D'Alessio ha commentato la consegna dell'assegno di 50mila euro alla Fondazione Santobono Pausilipon onlus, raccolti in occasione del Labelon Gran Galà di Natale e destinata alla creazione di laboratori di ricerca oncologica pediatrica per allineare l'Azienda agli standard richiesti per il riconoscimento di Istituto di ricerca a carattere scientifico.

L'iniziativa è stata presentata da D'Alessio, che - commentando la trasmissione di Alberto Angela su Napoli - si è detto «orgoglioso dell'immagine della città che ha dato», aggiungendo: «mi ha fatto piacere aver sentito peraltro qualche mia canzone in sottofondo») e dal direttore generale del Santobono Rodolfo Conenna. Un riconoscimento importante, che porterebbe l'ospedale, già oggi un'eccellenza, a diventare riferimento nazionale e internazionale all'avanguardia per tutte le aree cliniche della pediatria.

Presso la sede della Fondazione si è svolta la consegna dell'assegno con la cifra raccolta grazie alla donazione di aziende del territorio invitate a partecipare al progetto da Luigi Barone e Tommaso Ambrosio, ceo e founder del Labelon. Insieme a loro sono intervenuti Raffaele Veneruso di Studio Uno Marketing; Flavia Matrisciano e Anna Maria Ziccardi, rispettivamente direttore generale e presidente della Fondazione. «Intendiamo usare il contributo non tanto per strutture e attrezzature, per cui sono già disponibili altre fonti di finanziamento, ma per dare la possibilità a tanti giovani ricercatori napoletani di lavorare con noi e far crescere la ricerca a Napoli», ha ribadito Conenna.

Quest'ultimo ha colto l'occasione per sottolineare l'importanza di vaccinare i più piccoli: «Ci sono tanti bambini positivi, ma pochi per fortuna arrivano in ospedale nella fase acuta. Tuttavia questi contagi potrebbero darci problemi nei prossimi mesi. Un motivo in più per fare il vaccino ai bimbi. Il rischio è minimo, ma migliaia di volte inferiore a quello della malattia e delle sue complicanze anche in loro». «La scuola - ha aggiunto - è un driver molto importante del contagio, perché genera movimenti e attività in quella categoria che, assieme ai non vaccinati per volontà, include coloro che non lo sono ancora o non sono vaccinabili come i bimbi sotto i 5 anni».

Nel corso del Gran Galà di Natale si è tenuta inoltre un'asta di beneficenza con una maglia autografata donata dal campione azzurro Fabian Ruiz, che ha inviato una lettera di solidarietà e figurine limited edition; il quadro Maradona 90, realizzato e donato da Raffaele Zenga e il vinile autografato di Noi due di Gigi D'Alessio. La cifra di 50mila euro è stata raggiunta grazie anche alla donazione della maglia autografata del capitano del Napoli Lorenzo Insigne, acquistata da Barone e Ambrosio.

Ultimo aggiornamento: 29 Dicembre, 12:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA