Migranti, il medico-eroe Bartolo al Premio Napoli città di Pace: «Stop alle stragi con l'accoglienza»

«In oltre 25 anni di attività sul campo a Lampedusa ho visitato oltre 300mila migranti e purtroppo ho raggiunto il record mondiale per un medico di ispezioni cadaveriche, alcune veramente strazianti al cospetto dei corpi senza vita di donne incinte e bambini. È per questo che voglio cogliere questa occasione per lanciare un messaggio ai vertici politici dell'Unione Europea perché è l'intero Continente che deve assumersi la responsabilità di fermare questa strage e promuovere quella cultura dell'accoglienza che fa parte per altro dei valori fondanti della Comunità Europea». Così Pietro Bartolo, il 'medico eroe' di Lampedusa, al quale è stato assegnato il premio speciale «Testimone di Misericordia», una nuova sezione del Premio « Napoli Città di Pace» istituita nella scorsa edizione con l'obiettivo di segnalare e premiare le esperienze più significative di impegno nel volontariato e nella solidarietà concreta sulle molteplici frontiere dei bisogni.
 
 
Venerdì 5 Maggio 2017, 17:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP