Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, al via la terza edizione del premio Annalisa Durante: hanno partecipato al concorso oltre cinquemila studenti

Giovedì 17 Febbraio 2022
Napoli, al via la terza edizione del premio Annalisa Durante: hanno partecipato al concorso oltre cinquemila studenti

Sabato 19 febbraio alle 10.30 presso la Biblioteca Annalisa Durante e in live streaming sui canali social dell’associazione e di Radio Siani – La Radio della legalità, si terrà la cerimonia di apertura della terza edizione del premio nazionale intitolato «Amore è… raccontare la bellezza», promossa dall’Associazione Durante e dalla Fondazione Polis in memoria della giovane vittima innocente di Forcella, nel giorno in cui avrebbe compiuto 32 anni.

Ad essere premiati saranno le migliori candidature pervenute al concorso nazionale bandito per le scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado, dal titolo «Annalisa Durante. La forza rigeneratrice della memoria», in risposta al quale sono pervenuti 1​14 elaborati presentati da oltre 5.000 studenti di 70 scuole provenienti da 15 regioni.

Video

Gli studenti si sono cimentati con poesie, racconti, disegni, dipinti, sculture, brani musicali, performance teatrali, video, coreografie, siti internet, manufatti artigianali e persino un cocktail dedicato ad Annalisa, elaborando proposte sul valore educativo e rigenerativo della memoria di Annalisa, la cui morte si è trasformata negli anni in impegno civico, culturale e sociale, divenendo argomento di studio, approfondimento e condivisione a livello nazionale.

Il 19 febbraio ci sarà la proclamazione dei vincitori alla presenza di rappresentanti delle istituzioni civili e religiose, tra i quali il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi, l’assessore regionale alla legalità, alla sicurezza e all’immigrazione Mario Morcone, il prefetto di Napoli Claudio Palomba, il questore di Napoli Alessandro Giuliano, il direttore dell’Usr Campania Ettore Acerra, il direttore del dipartimento di giurisprudenza della Federico II Sandro Staiano e l’arcivescovo di Napoli don Mimmo Battaglia.

Nelle giornate seguenti ci saranno le premiazioni con l’illustrazione dei singoli lavori. Lunedì 21 sarà dedicato all’infanzia, con la premiazione degli studenti della scuola primaria, sulle cui tematiche si confronteranno l’onorevole Paolo Siani, il vicesindaco Maria Filippone e l’assessore alle politiche sociali Luca Trapanese.

LEGGI ANCHE Forcella, arrivano gli studenti poeti: «I canti di Dante contro la camorra»

Martedì 22 e mercoledì 23 sarà la volta degli studenti della scuola secondaria di primo e secondo grado, con la partecipazione dell’assessore regionale alla formazione professionale Armida Filippelli, dell’assessore comunale alla polizia municipale e alla legalità Antonio De Iesu, dei professori universitari Enrica Amaturo e Dario Bacchini, del referente di Libera Campania Mariano Di Palma, con la partecipazione dell’attore Sergio Savastano.

Testimonial della terza edizione del premio sarà l’agente di polizia e rapper Sebastiano Vitale, in arte Rev Man, vincitore nella scorsa edizione per la Categoria Istituzioni.

Come immagine simbolo del premio sarà presentata l’opera realizzata dall’artista Gino Quinto, rappresentante i diritti violati dell’infanzia e il desiderio di riscatto.

«I giovani hanno bisogno di esempi – ha affermato don Tonino Palmese, presidente della Fondazione Polis – ed il nostro Giannino, papà di Annalisa, con l’associazione presieduta da Giuseppe Perna, sta compiendo un lavoro straordinario, di grande importanza per le giovani generazioni, chiamate a confrontarsi con la memoria di una ragazza, che a distanza di 18 anni è capace di raccontare la bellezza, mostrando a tutti noi di non essere morta invano». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA