Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Varcaturo, parte il progetto che coinvolge i più giovani nella pulizia delle spiagge

Lunedì 11 Luglio 2022
Varcaturo, parte il progetto che coinvolge i più giovani nella pulizia delle spiagge

Da Berlino a Varcaturo con l’obiettivo di liberare il mare e la spiaggia dalla plastica, ma anche vivere un’esperienza indimenticabile sulle tracce delle tartarughe Caretta, anche con l’obiettivo di trovare e preservare i loro nidi. Protagonisti di questa meravigliosa avventura sono 25 bambini e ragazzi di età tra i 5 e i 13 anni. Ad organizzare il progetto è stata la “Ki.E.Ka. e.V”, ente non profit che a Berlino gestisce diversi asili e che ormai da anni ha creato un vero e proprio gemellaggio con il Sud Italia, sostenuta in questa occasione dal C.O.N.I. Formia come partner per il viaggio dei ragazzi.

«Vivere quest’esperienza ci ha consentito di far conoscere ai nostri ragazzi luoghi meravigliosi che hanno bisogno di essere custoditi e in alcuni casi salvati»,  spiegano le amministratrici della non profit Efrossini Catrisioti, Marianne Schröder e Dana Silva Cousiño. «Da circa otto anni organizziamo viaggi tra sport e cultura a Formia, portando in Italia gruppi di ragazzi e bambini che frequentano i nostri asili e altre scuole italo-tedesche. Questa volta abbiamo scelto di visitare la Campania, una regione che amiamo molto, e imparare qualcosa sulle tartarughe Caretta Caretta e sui danni causati dalle micro-plastiche».  Bambini e ragazzi sono stati impegnati nella pulizia della spiaggia raccogliendo rifiuti di plastica dalla sabbia che sono poi stati portati al lido Varca d’Oro dove i ragazzi hanno scoperto qual è il loro ciclo di vita, come riciclare questi rifiuti e quali sono i rischi per le persone e per l’ambiente marino. Tra le specie più a rischio ci sono proprio le tartarughe, che scambiano spesso la plastica per cibo e la mangiano rischiando la morte.

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA