Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Nola, "Ricordando Giancarlo Siani":
gli studenti incontrano Paolo Siani

Domenica 3 Aprile 2022 di Carmen Fusco
Scuola Bruno - Fiore

 In mattinata l'incontro con Pietro Grasso che ha firmato il libro "Paolo Borsellino parla ai ragazzi". Alle 10 di domani sarà l'ex procuratore antimafia a parlare agli alunni dell'Istituto comprensivo "Bruno - Fiore" di Nola che incontrerà alle 10 nella chiesa del Gesù. Nel pomeriggio, invece, gli approfondimenti legati al tema della legalità proseguiranno nei saloni della scuola diretta da Maria Iervolino. Gli studenti ricorderanno il giornalista Giancarlo Siani confrontandosi con Paolo Siani, suo fratello, e con Lorenzo Marone che è autore del libro "Un ragazzo normale".

Gli appuntamenti in programma domani arricchiscono un corposo calendario che la scuola ha messo a punto per far attecchire tra gli studenti e le famiglie il tema della legalità e del rispetto delle regole. Mercoledì prossimo a salire in cattedra saranno i rappresentanti della polizia postale che dialogheranno con gli alunni dei pericoli che derivano da un uso scorretto della rete e dalle insidie che si celano nei social. Il 20 aprile, invece, sarà affrontato il tema delle tifo per le squadre di calcio che troppo spesso sfocia in episodi di violenza ed in veri e propri comportamenti razzisti ed intolleranza che nulla hanno a che fare con il sostegno e la passione verso la compagine del cuore. La primavera della legalità nella scuola di Nola non è cominciata però ad aprile. Nei mesi scorsi sono state organizzate numerose iniziative che hanno coinvolto la folta platea scolastica ed i genitori degli alunni che il 21 marzo, nel giorno del ricordo delle vittime della mafia, hanno letto uno dopo l'altro tutti i nomi degli innocenti morti per mano dei clan dopo averne approfondito le storie ed il triste destino che ne ha spezzato le vite. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA