Ponticelli, consegnate le borse di studio «Renato Caccioppoli» all'istituto Marie Curie

Ponticelli, consegnate le borse di studio «Renato Caccioppoli» all'istituto Marie Curie
Martedì 27 Settembre 2022, 16:35
3 Minuti di Lettura

Stamani, nell'auditorium dell'istituto tecnico «Marie Curie» di Ponticelli, alla periferia Est di Napoli, sono stati premiati - informa una nota - gli studenti Raffaele Macrì e Carmine Imparato i due giovani vincitori della seconda edizione della borsa di studio intitolata al grande matematico Renato Caccioppoli, iniziativa ideata per offrire un supporto ai neo-diplomati che intendono continuare gli studi all'università. L'iniziativa - informa la nota - è stata rivolta, in particolare, agli studenti delle classi quinte dell'istituto tecnico Marie Curie. Il progetto è stato sostenuto dagli ordini degli architetti e degli ingegneri della Provincia di Napoli, insieme alla compagnia teatrale dei Felacomici, al Rotaract Napoli Posillipo e alla Parrocchia Beata Vergine di Lourdes ed è promossa dall'Associazione Renato Caccioppoli presieduta da Antonio Martinelli. Sono intervenuti alla premiazione: la Tesoriera dell'Ordine degli ingegneri di Napoli Ada Minieri, l'architetta Concetta Marrazzo, il Parroco don Enzo Piccinelli.

A fare gli onori di casa, la dirigente scolastica Gabriella Russo. Per concorrere alle borse di studio il bando richiedeva la realizzazione di un elaborato multimediale dedicato alla figura e all'opera di Renato Caccioppoli. «Sono particolarmente lieta di rappresentare il mio Ordine a questa cerimonia - afferma Ada Minieri - sia come professionista che come insegnante. Per decenni ho lavorato nella scuola e so bene quanto sia importante sostenere i giovani nel loro impegno e nel loro sforzo, quanto sia fondamentale credere in loro e incoraggiarli. E ciò è tanto più vero quando parliamo di giovani che vivono in realtà territoriali difficili, anche se questo istituto è davvero un esempio di quanto la scuola possa fare non solo in termini di formazione, ma anche sul versante dell'educazione dei cittadini». «I professionisti tecnici - ha detto l'architetta Concetta Marrazzo rivolgendosi ai giovani - affiancano quest'iniziativa per invitarvi a credere in voi e a non arrendervi, malgrado le difficoltà del territorio. Del resto - ha aggiunto - proprio qui a Napoli Est sono in cantiere importanti progetti urbanistici e imprenditoriali che si riveleranno strumenti di sviluppo e di riscatto e in cui voi potrete essere protagonisti».

«Le borse - spiega il presidente dell'associazione Renato Caccioppoli, Antonio Martinelli - sono corrisposte sotto forma di buoni acquisto che serviranno ai vincitori per comperare strumenti indispensabili agli studi universitari, come ad esempio computer o tablet. Il nostro intento - prosegue - è valorizzare il capitale umano che esprime Napoli Est, terra di persone perbene e giovani talenti che, a volte, hanno solo bisogno che qualcuno creda in loro». «Renato Caccioppoli è stato il Maradona della matematica - sottolineò il presidente degli ingegneri Cosenza alla presentazione del premio la scorsa primavera - : infatti proprio come Diego, egli era espressione insieme di genio e sregolatezza. E a voi giovani dico: credete in voi, non lasciatevi abbattere dai pessimisti, che sono portatori di un veleno sottile e micidiale. E nascere nelle periferie non sempre significa essere svantaggiati in partenza e condannati alla sconfitta».

© RIPRODUZIONE RISERVATA