Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Portici, la solidarietà non va in ferie: a Ferragosto nella mensa al fianco degli ultimi

Martedì 9 Agosto 2022
Portici, la solidarietà non va in ferie: a Ferragosto nella mensa al fianco degli ultimi

La solidarietà non va in ferie, neanche a Ferragosto. Al convento dei Frati Minori di San Pasquale al Granatello a Portici le porte della mensa sono aperte tutto l'anno a quanti, in difficoltà economiche, non riescono a mettere un pasto a tavola. Qui il sabato, la domenica e lunedì il responsabile della mensa Luigi Campoli insieme al diacono frà Vincenzo Cioffo organizzano, in base a quello che c'è, il pranzo, coadiuvati da un gruppo di volontari. Il pasto comprende un primo, un secondo con contorno più pane, acqua e quando c'è frutta e anche dolce. Nella cucina vengono preparati a partire dalle 9.00 circa 60 pasti rispettivamente sabato e lunedì, 70 la domenica, chiusi in vaschette e imbustati.

«Da noi arrivano molte persone dall'area vesuviana e qualcuno anche da Napoli. Nei tre giorni di sabato, domenica e lunedì complessivamente ne arrivano circa duecento» dice frà Vincenzo Cioffo. «Abbiamo anche padri single o separati di circa 55 anni e qualche famiglia. Nell'ultimo mese ad esempio abbiamo notato che c'è un aumento di persone che bussano per chiedere cibo». Due anni fa, prima della pandemia da covid 19 una lunga tavola predisposta in sala mensa accoglieva i più bisognosi. Poi, per questioni igienico-sanitarie, la modalità di offerta dei pasti è mutata. «Oggi posiamo i cestini su un tavolo all'esterno della sala mensa e li consegniamo a chi ne fa richiesta per poi andare via» spiega padre Vincenzo. «Abbiamo un elenco con l'Isee per ciascuna persona. Ma qualche volta consegniamo il pasto anche in assenza di Isee».

Ultimo aggiornamento: 12:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA