Progetto bambini: dopo i tablet ecco zainetti e 200 buoni pasto

Giovedì 24 Dicembre 2020
Progetto bambini: dopo i tablet ecco zainetti e 200 buoni pasto

Progetto Bambini”, nato su iniziativa di Francesco Ferraro, coordinatore della Commissione di Studio del Diritto d’impresa e di Sergio Mannato, presidente dell’Associazione “Borgo Marechiaro”, continua ad essere in prima linea nell’ardua battaglia contro le diseguaglianze sociali rese ancor più drammatiche dall'emergenza del Covid 19.  

Dopo la donazione di 40 tablet di ultima generazione in favore dei bambini ed adolescenti ricoverati presso l’Ospedale pediatrico Pausilipon di Napoli, “Progetto Bambini” si è reso protagonista, in accordo con le associazioni onlus “Il Grillo Parlante” e  “Centro Diurno Progetto Oasi”, di una nuova ed importante iniziativa benefica per dare il proprio sostengo alle famiglie napoletane più disagiate: ovvero la donazione a 50 piccoli studenti di zainetti contenenti quaderni, penne, matite, pennarelli, gomme ed astucci. Inoltre, ogni singolo zainetto contiene buoni pasti gratuiti per un nucleo familiare di almeno quattro persone, per complessivi 200 ticket, da poter consumare presso i ristoranti a marchio McDonald’s presenti sul territorio napoletano.

Saranno, infine, donate 40 cuffie per tablet e pc, al fine di consentire agli studenti che dovessero continuare nel prossimo futuro con la didattica a distanza, di seguire in maniera più proficua ed interattiva le lezioni sino alla fine dell’anno. 

Il progetto si è avvalso del patrocinio del Comune di Napoli attraverso il contributo degli assessorati ai giovani e alla scuola con gli assessori Alessandra Clemente e Annamaria Palmieri, della Municipalità Stella - San Carlo Arena con Ivo Poggiani, con il supporto del commercialista Rodolfo Molettieri e di Annalisa Buonocore, licenziataria Mc Donald’s, giovane e sensibile imprenditrice napoletana, partner principale dell’iniziativa, gestore di un brand sempre molto attivo nel sociale, coadiuvata da Francesca Parisi, Jessica Mastroianni e Valentina Scotto. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA