Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Felice De Martino vittima innocente della camorra, incontro in ricordo all'istituto Sannino-De Cillis di Ponticelli

Sabato 26 Marzo 2022
Felice De Martino vittima innocente della camorra, incontro in ricordo all'istituto Sannino-De Cillis di Ponticelli

Lunedì 28 marzo 2022, alle ore 10 presso l'istituto Sannino-De Cillis di Ponticelli, l'associazione report, Sos impresa rete per la legalità Aps e la fondazione Polis della Regione Campania promuovono un incontro per raccontare la storia di Felice De Martino, ucciso ad appena 26 anni il 6 gennaio del 2000, vittima innocente di un agguato di camorra compiuto nei pressi del bar dove Felice si trovava in quel momento, raggiunto da un colpo di pistola mentre tentava di far rientrare un suo amico all'interno del locale per sottrarlo al pericolo.

Felice faceva il fioraio e il venditore di abbigliamento, era conosciuto e stimato da tutto il quartiere, al suo funerale parteciparono ben cinquemila persone. La memoria del suo gesto eroico e la sua vita sottratta dalla mano criminale della camorra saranno il fulcro della giornata, introdotta e moderata da Antonio Musella, giornalista di Fanpage, e aperta dai saluti del dirigente scolastico Angela Mormone. A parlare della storia di Felice e dell'attualità della camorra e dell'anticamorra, il fratello di Felice, Michele De Martino, Anna Ferrara, presidente dell'associazione report, Luigi Cuomo, presidente Sos impresa rete per la legalità Aps, don Tonino Palmese, presidente della fondazione Polis.

Video

Sarà presente Salvatore Acampora, il giovane che Felice aiutò a entrare all'interno del bar durante la sparatoria. A concludere i lavori il dottor Raffaele Marino, già Procuratore Generale presso la Corte d'Appello di Napoli, che nel corso della sua carriera in magistratura ha seguito numerose inchieste sui clan e su episodi che purtroppo hanno coinvolto vittime innocenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche