Solidarietà, la maglia di Maradona donata a un ragazzo disabile

Giovedì 2 Dicembre 2021 di Giuliana Covella
Solidarietà, la maglia di Maradona donata a un ragazzo disabile

Donata a un ragazzo disabile la maglia col numero 10 indossata da Diego Armando Maradona con le firme delle vecchie glorie del Calcio Napoli dell’annata ‘87-‘88, nel corso della serata di beneficenza dell’Anef a Villa Posillipo. La speciale t-shirt, battuta all’asta per 3mila euro e donata da Aurelio Baiano gioielli, è stata acquistata dalla Vuolo Taddeo srl di Gragnano. Giusy Vuolo, in rappresentanza dell’azienda, ha deciso però di donarla a Francesco, giovanissimo tifoso degli azzurri, che per il suo profilo Facebook ha scelto il nome di Francesco Maradona. All’asta anche l’orologio delle vecchie leggende del Napoli offerto sempre da Baiano, battuto a 800 euro, acquistato da Antonino Della Notte e poi donato a Matteo, un altro ragazzo seguito dall’Anef. La serata è stata l’occasione per presentare il calendario 2022 della onlus, “Dodici scatti contro l’indifferenza”, il cui ricavato contribuirà alla realizzazione dei progetti dell’associazione.

«Un risultato al di sopra delle aspettative - dichiara la presidente Anef Carmen Manfellotto - a dimostrazione, ancora una volta, che il cuore di Napoli è grande e la solidarietà non ha confini». Tra i presenti il rettore dell’Università Federico II di Napoli Matteo Lorito, il presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania Ottavio Lucarelli, Il presidente della Camera di Commercio Ciro Fiola, il presidente della Banca di credito cooperativo Amedeo Manzo (giunto anche un messaggio del presidente della Camera Roberto Fico). A presentare l’evento, allietato dalla musica di Monica Sarnelli e degli Armonika, è stata Claudia Mercurio, conduttrice su Canale 8 della trasmissione “Il Bello del Calcio”. Nel corso dell’iniziativa sono stati inoltre consegnati i riconoscimenti del Premio “Ambasciatori del sole” ideato da Vincenzo De Rosa e organizzato dal quotidiano Napoli Village, diretto da Raffaele De Lucia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA