Torna il “Giocattolo sospeso” per i bimbi: a Napoli gara di solidarietà

Per donare ci sono due modalità: on line o in un negozio che aderisce all'iniziativa

La locandina dell evento Giocattolo sospeso 2023
La locandina dell’evento “Giocattolo sospeso” 2023
di Vincenzo Cimmino
Mercoledì 6 Dicembre 2023, 15:08
4 Minuti di Lettura

Torna a Napoli il “Giocattolo sospeso”. L’iniziativa, che si rinnova anche quest’anno, è fortemente voluta dal Comune e dall’Assessorato alle Politiche giovanili e al Lavoro. Il fine è aiutare le fasce di popolazione con meno possibilità facendo sentire ai più piccoli la magia del Natale.

Chiunque può donare un giocattolo ai bambini della città più bisognosi regalando loro un sorriso. Per farlo ci sono due modalità. La prima è di andare sul sito www.unpaniereperte.it e tramite la piattaforma scegliere il dono tra quelli presenti in una forbice di prezzo compresa tra i 10 e i 20 euro.

La seconda modalità prevede di rivolgersi direttamente a uno dei negozi che aderiscono all’iniziativa.

Gli esercizi commerciali aderenti sono: “A&M Bookstore” in via Duomo m°93, “Casa Mia Giocattoli” in via Francesco Cilea n° 115, “Junior Giocattoli” in via Maurizio Piscicelli n°25, “La Girandola” in via Edoardo Nicolardi n°158, “La Girandola” in via Toledo n°400, “Leonetti” in via Toledo n°350, “Libreria Giorgio Lieto” in viale Augusto n°43, “Libreria Mancini” in via Nuova Poggioreale n°11, “Natullo Toys” in via A. Ranieri n°51, in corso Garibaldi n°301 e in via Nazionale n°52.

Video

I giochi donati saranno poi raccolti da dipendenti del comune e consegnati dai volontari, travestiti per l’occasione da elfi, direttamente nelle mani dei bambini. Sul sito l’offerta è composta da macchinine, bambole, piste da corsa, giocattoli interattivi e set di trucchi. I giochi sono divisi in base all’età, a partire dai primi mesi di vita e fin dopo i 12 anni.

In città si sta facendo sempre più forte l’abitudine di “sospendere” qualcosa per il prossimo. In quest’ottica troviamo il caffè sospeso, il libro sospeso, la spesa sospesa e ora il giocattolo sospeso. Napoli, campione di solidarietà, non deluderà le aspettative per questa edizione dell’evento.

«Il Giocattolo Sospeso è ormai una tradizione che vede rinnovarsi lo spirito di solidarietà dei cittadini napoletani – dichiara Chiara Marciani, assessore alle Politiche giovanili e al Lavoro – negli ultimi due anni le donazioni sono cresciute molto ed hanno raggiunto un numero sempre maggiore di bambini ai quali arriva il calore di una città che è sempre pronta a sostenere chi è in difficoltà. A noi come Istituzioni il compito e l'onere di raccogliere queste spinte solidaristiche e convogliarle affinché possano offrire un momento di serenità a chi ne ha più bisogno». 

«È un evento che noi sposiamo quasi tutti gli anni – commentano Anna e Andrea di “A&M Bookstore” – e vorremmo che il Comune sposasse questi progetti non solo a Natale, ma più spesso durante l’anno. È una cosa molto importante perché vediamo un bel background di persone dietro che risponde, c’è molta solidarietà da parte del quartiere. Si aiutano così anche bambini ad avere doni che magari non possono ricevere e a noi fa piacere partecipare.».

«Sono entusiasta di annunciare a nome dei negozi aderenti – dice Rosario Ferrara del negozio “La Girandola” di via Toledo – la partecipazione all’emozionante iniziativa del Comune di Napoli “Giocattolo sospeso”. In veste di coordinatore dei negozi storici della manifestazione, ci impegniamo a promuovere la solidarietà nella nostra comunità. Ogni giocattolo o libro acquistato dai nostri clienti sarà donato a coloro che, purtroppo, hanno meno opportunità. Un piccolo gesto che può portare un grande sorriso. Insieme possiamo rendere questa stagione natalizia più luminosa per tutti. Grazie per il vostro sostegno e la vostra generosità. Ringrazio l’assessore Chiara Marciano per continuare a tenere viva l’iniziativa che va avanti da anni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA