Tumori femminili, Pink is good running team fa tappa a Napoli: le donne di corsa contro il cancro per raccolta fondi e prevenzione

Venerdì 22 Ottobre 2021
Tumori femminili, Pink is good running team fa tappa a Napoli: le donne di corsa contro il cancro per raccolta fondi e prevenzione

Dal 2014 Fondazione Umberto Veronesi lancia un appello a tutte le donne che hanno combattuto un tumore femminile (seno, utero, ovaio) per diventare pink ambassador con l’obiettivo di dimostrare che dopo la malattia si può tornare a vivere più forti di prima.

Ogni anno il gruppo di pink ambassador cresce sempre di più e ad oggi è diventata una vera e propria rete di sostegno fra donne che hanno vissuto un’esperienza comune: un tumore femminile.

Per questa ragione Fondazione Umberto Veronesi ha deciso di coinvolgere sempre più donne che vogliono condividere la propria esperienza a sostegno della ricerca scientifica e della prevenzione, per dimostrare l’importanza della diagnosi precoce e dei corretti stili di vita nella lotta contro i tumori.

Ad oggi infatti sono 18 i gruppi delle nuove pink ambassador di Fondazione, e nello specifico nelle città di: Milano, Monza Brianza, Como, Varese, Bergamo, Torino, Venezia, Verona, Trento, Bologna, Firenze, Perugia, Roma, Napoli, Bari, Catania, Palermo e Cagliari.

Video

Anche per questa ottava edizione, le nuove pink ambassador selezionate sosterranno un intenso allenamento gratuito, coordinato e gestito dalla Federazione italiana di atletica leggera nell’ambito del progetto Runcard, permettendo così di prepararsi ad una staffetta che collegherà virtualmente le città di appartenenza, per ricordare ancora una volta l’importanza della prevenzione e del finanziamento alla ricerca scientifica d’eccellenza di cui, soprattutto in questo ultimo periodo, se n’è compresa la fondamentale necessità.

Sabato 23 ottobre, alle ore 10 il team della città di Napoli partirà dalla Mostra D’Oltremare.

Anche durante la staffetta le pink ambassador saranno impegnate nella raccolta fondi con un’attività di crowdfunding attraverso la piattaforma Insieme.

Il progetto delle pink ambassador fa parte del grande progetto di Fondazione dedicato alla lotta ai tumori femminili Pink is good che ogni anno finanzia medici e ricercatori che hanno deciso di dedicare la propria vita allo studio e alla cura del tumore al seno, utero e ovaio.

LEGGI ANCHE Tumore al seno, la pandemia di Covid rallenta gli interventi di ricostruzione

Ogni anno in Italia 55mila donne si ammalano di tumore al seno, oltre 11mila all’utero e oltre 5mila alle ovaie.

Pink is good, inoltre, si occupa anche di diffondere l’importanza della prevenzione. Dalla sua nascita Fondazione ha sostenuto 224 eccellenti ricercatori impegnati contro queste patologie e allo stesso tempo finanzia progetti di ricerca di altissimo profilo, come ad esempio lo Studio Pink.: il progetto di ricerca nazionale dedicato alla diagnostica oncologica e alla medicina personalizzata per avvicinare sempre più al 100% la quota di donne che superano il tumore al seno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA