In carcere per rapina inneggiava alla jihad, imam subito espulso

L'imbarco del tunisino jihadista
di Gianluca Amadori

0
  • 120
PADOVA - Detenuto nel carcere di Padova per una brutale rapina, nel giro di breve tempo era riuscito ad imporsi come l'imam del Due Palazzi, estromettendo con violenza e minacce la persona che svolgeva la funzione fino a quel momento, e iniziando ad approfittare del suo ruolo per fare attività di proselitismo a favore della Jihad islamica. Ma l'attività di Mahmoud Jebali, 31 anni, di nazionalità tunisina, non è passata inosservata alle guardie penitenziarie, e di conseguenza alla Digos di Padova, la quale per mesi ha svolto un'accurata indagine sul suo conto, conclusasi con un decreto di allontanamento dal territorio nazionale emesso dalla Prefettura di Padova e convalidato ieri pomeriggio della sezione del Tribunale civile che si occupa di Immigrazione e protezione internazionale.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 10 Gennaio 2019, 08:38 - Ultimo aggiornamento: 11 Gennaio, 08:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP