Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Eutanasia, le parole della 69enne di Spinea che ha chiesto il suicidio assistito: «Ho detto a mio marito di non dissuadermi»

Lunedì 1 Agosto 2022 di Redazione web
Parla la 69enne di Spinea con tumore terminale che ha chiesto il suicidio assistito: «Ho detto a mio marito di non dissuadermi»

SPINEA - La signorina Adelina (nome di fantasia) - la 69enne di Spinea con un tumore al polmone irreversibile e metastasi che ha richiesto il suicidio assistito - con parole autentiche e toccanti ha spiegato le sue motivazioni: «Ho detto a mio marito e alla mia famiglia: sono davanti a un bivio. Posso prendere una strada un po’ più lunga che mi porta all’inferno. E un’altra, più breve, che mi porta in Svizzera. Ho scelto la seconda. Ho poi detto a mio marito che se avesse provato a dissuadermi, fra un mese o due, quando mi avrebbe visto sofferente, se ne sarebbe pentito».

La donna si è rivolta a Marco Cappato, tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni, per essere accompagnata in Svizzera e accedere legalmente al suicidio assistito. In un comunicato Marco Cappato ha fatto sapere di trovarsi nel paese elvetico per dare seguito alla richiesta della signora.

Ultimo aggiornamento: 19:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA