Nuova rissa in piazza Mazzini a Jesolo, stavolta spunta anche un coltello

Nuova rissa in piazza Mazzini a Jesolo, stavolta spunta anche un coltello
di Giuseppe Babbo
Lunedì 20 Giugno 2022, 10:04 - Ultimo agg. 21 Giugno, 07:38
4 Minuti di Lettura

JESOLO - Ancora calci e pugni mentre uno dei contendenti affronta lo scontro con un coltello. A bloccarlo è stato il tempestivo intervento delle forze dell'ordine che presidiavano l'area. E come se non bastasse i carabinieri bloccano una gang di giovanissimi che attaccava i passanti per derubarli. È la sintesi dell'ennesimo sabato notte di violenza di Jesolo, dove i primi tafferugli sono scattati già attorno alle 17, come sempre nell'area di piazza Mazzini, all'acceso al mare di via Nievo.


BOTTE IN PIAZZA
È qui che un gruppo di giovanissimi ha iniziato ad affrontarsi a colpi di pugni disperdendosi prima che la situazione degenerasse. Ed è sempre qui che nella notte, attorno all'1.30, almeno altri tre giovani hanno iniziato ad affrontarsi fino a quando nella colluttazione è sputata una lama. Immediato l'allarme agli agenti della Polizia e ai carabinieri che presidiavano la zona e che sono riusciti immediatamente a bloccare il giovane che è stato identificato e denunciato. Attorno alle 2 invece ai carabinieri, presenti anche con personale in abiti civili per un totale di 16 unità, è arrivata la segnalazione di un ragazzo italiano al quale era stata strappata un collana mentre camminava sulla spiaggia con un amico, a poca distanza da piazza Mazzini. In base alla descrizione fornita gli uomini dell'Arma hanno immediatamente avviato gli accertamenti del caso, concentrando la loro attenzione nei confronti di un gruppo di circa venti persone, tra i quali anche italiani di terza generazione e in ogni caso tutti ventenni residenti in Veneto, bloccati poco dopo sulla spiaggia. Tra di loro anche il giovane che poco prima avrebbe strappato la collana, trovato ancora in possesso del monile, riconosciuto dalla vittima e arrestato tra gli applausi degli altri giovani presenti in piazza mentre un coppia si è avvicinata ai carabinieri per complimentarsi.

Nei confronti degli altri componenti del gruppo sono stati avviati degli accertamenti: non è escluso che la banda provocasse delle risse per distogliere l'attenzione e derubare i passanti che incrociavano e non è nemmeno escluso che il gruppo sia lo stesso che una settimana fa ha creato problemi nella zona di piazza Aurora. In ogni caso a fare da filo conduttore delle varie tensioni c'è sempre l'abuso di alcol con schiamazzi e ubriachi molesti segnalati in tutta la città. In questo senso i carabinieri hanno anche bloccato un turista tedesco ubriaco che infastidiva i clienti di un locale. A Cortellazzo invece è stato bloccato e denunciato un nordafricano che vendeva delle dosi di cocaina.


TRAFFICO BLOCCATO
Il weekend è stato caldissimo anche sul fronte della viabilità: tanti gli incidenti segnalati, tra i quali quello che ha coinvolto un'ambulanza della Croce Verde di Cavallino che stava trasportando un paziente all'ospedale di Jesolo, avvenuto all'incrocio tra via Buonarroti e viale Padania. Nonostante l'ambulanza fosse in sirena il mezzo si è scontrato contro una Fiat 500L che è carambolata contro la recinzione di una casa. Fortunatamente non ci sono stati feriti, la persona che si trovava nella prima ambulanza ha raggiunto l'ospedale con un'altra ambulanza. In via Roma destra infine una signora è stata travolta dal cancello di casa uscito dal binario: è stata elitrasportata all'ospedale dell'Angelo di Mestre.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA