Movida violenta, scatta il coprifuoco nel week end: spiagge off limits e stop agli alcolici

Movida violenta a Jesolo, scatta il corpifuoco nel week end: spiagge e alcolici off limits.
Movida violenta a Jesolo, scatta il corpifuoco nel week end: spiagge e alcolici off limits.
di Redazione web
Giovedì 7 Luglio 2022, 20:02 - Ultimo agg. 8 Luglio, 15:58
4 Minuti di Lettura

JESOLO - Nelle prossime ore il sindaco di Jesolo Christofer De Zotti emetterà tre provvedimenti validi nei fine settimana per regolamentare il consumo e la vendita di alcolici, interdire l’accesso a un tratto di arenile nelle ore serali e disporre la chiusura anticipata di alcune attività commerciali.

Il sindaco De Zotti dunque firmerà tre ordinanze per intervenire sul fronte della sicurezza soprattutto nelle aree più calde della città. I provvedimenti sono il risultato di un confronto avvenuto nei giorni scorsi con il prefetto di Venezia, Vittorio Zappalorto. Tutte le ordinanze entrano in vigore a partire da sabato 9 luglio.

Le ordinanze

La prima ordinanza vieta la detenzione, il consumo e la vendita per asporto di bevande alcoliche – con esclusione di quelle contenute in sacchetti sigillati - di qualsiasi gradazione in tutto il territorio comunale, compreso l’arenile, dalle ore 20 alle ore 6 dei giorni di venerdì, sabato e domenica. Nel periodo compreso tra l’1 e il 22 agosto il provvedimento sarà in vigore tutti i giorni e non solo nel fine settimana. L’ordinanza scadrà domenica 11 settembre. Ogni violazione prevede una sanzione amministrativa di 200 euro, a meno che il fatto non costituisca reato.

La seconda ordinanza riguarda l’accesso all’arenile nelle ore serali. A partire da sabato 9 luglio e per tutti i sabato fino al 28 agosto sarà vietato accedere in spiaggia attraverso gli accessi al mare compresi tra il 29° di via Bafile fino a via Nievo, compresi quelli privati. Il divieto di accesso entrerà in vigore alle ore 22 e sarà in vigore sino alle 4 del mattino della domenica. La parte terminale di tutti gli accessi coinvolti sarà sbarrato e a presidiare ciascun punto sarà presente personale addetto alla sicurezza, che permetterà solamente l’uscita dall’arenile. Eventuali violazioni saranno punite anche in questo caso con una sanzione amministrativa di 200 euro.

La terza ordinanza dispone la chiusura notturna di alcune attività commerciali. Il provvedimento riguarda i minimarket, che si trovano nell’area compresa tra largo Augustus fino a via Alberti. Il provvedimento prevede la chiusura di queste attività commerciali dalle ore 00.00 alle 7 di ogni domenica (quindi della notte compresa tra sabato e domenica). Come negli altri casi, anche questa ordinanza entrerà in vigore sabato 9 luglio. Nel periodo compreso tra l’1 e il 22 agosto, gli orari di chiusura dovranno essere rispettati tutti i giorni e non solo nel weekend. Il provvedimento resterà in vigore fino a domenica 11 settembre. La stessa ordinanza dispone, inoltre, delle modifiche agli orari di esercizio di alcuni chioschi. Tutti i sabati, dal 9 luglio al 10 settembre, le attività presenti nell’area demaniale marittima che va dal largo Augustus fino a via Alberti dovranno cessare la loro attività alle ore 22. Tale orario di chiusura dovrà, infine, essere rispettato tutti i giorni nel periodo compreso dall’1 al 21 agosto.

La dichiarazione

«L’incontro con il signor prefetto è stata un’ottima occasione per un confronto su un tema divenuto così delicato come quello della sicurezza a Jesolo - dichiara il sindaco della città di Jesolo, Christofer De Zotti -. Abbiamo emesso tre ordinanze con l’obiettivo di intervenire in maniera concreta ed efficace. Sono tre provvedimenti che riteniamo equilibrati, frutto di un confronto anche con le categorie economiche e condivise con i singoli esercizi commerciali coinvolti. Ho avuto in eredità una macchina avviata e per quest’anno abbiamo ritenuto di poter ottenere dei buoni risultati con queste modalità. L’intenzione per la prossima estate, però, è quella di arrivare ai mesi più caldi con un pacchetto di provvedimenti già pronti ed evitare il ricorso a misure urgenti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA