Tragedia familiare a Torre di Mosto. Tenta di uccidere la moglie e poi si toglie la vita. Lei è grave

Folle assalto in pieno centro del 56enne ex vigilante pugliese: la coppia ha due figli di 26 e 29 anni

Omicidio suicidio a Torre di Mosto . Nel riquadro la vittima
Omicidio suicidio a Torre di Mosto . Nel riquadro la vittima
di Marco Corazza
Lunedì 8 Agosto 2022, 15:52 - Ultimo agg. 9 Agosto, 12:12
3 Minuti di Lettura

TORRE DI MOSTO - Tentato omicidio e suicidio a Torre di Mosto. L'allarme è scattato nel pomeriggio di oggi, lunedì 8 agosto, in via Roma, nel centro del paese. Secondo una prima ricostruzione l'uomo, Michele Beato, ex guardia giurata di 56 anni, ha tentato di uccidere la moglie, 50enne, colpendola con coltellate a gambe e braccia  e poi si è tolto la vita.  La donna - Rosa S. - sarebbe stata trafitta a bordo della sua auto mentre stava per giungere a casa, dove peraltro non conviveva con il marito da alcuni mesi. Poi l'uomo si è rifugiato in garage per togliersi la vita con una balestra. La coppia lascia due figli di 26 e 29 anni.  Marito e moglie sono originari di Bari e sono arrivati a Torre di Mosto nel 2003. Immediata la richiesta di intervento arrivata al 112. Sul posto sono arrivati i carabinieri. 

La donna, che dopo la separazione si era trasferita nella vicina località di San Stino di Livenza (Venezia), si era recata al suo lavoro di addetta alle pulizie in un negozio di barbiere di Torre di Mosto, poco distante dalla casa dell'ex marito. Intorno alle 14, Beato l'avrebbe aspettata fuori dall'esercizio commerciale, evidentemente conoscendo i suoi orari e i suoi movimenti. Quando la donna è entrata in auto, ha rotto il finestrino dall'esterno e l'ha colpita. Convinto di averla uccisa, Beato si sarebbe diretto quindi verso casa, e avrebbe usato la balestra per togliersi la vita. La donna, soccorsa dal Suem, è sotto osservazione all'ospedale. 

Video

Il marito morto suicida  Michele Beato

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA