Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Km zero e investimenti in attrezzature, tecnologia alimentare e formazione: Serenissima Ristorazione negli ospedali e nelle scuole del Sud

Serenissima Ristorazione, top player della ristorazione collettiva e leader di quella socio-sanitaria in tutta Italia, è un punto di riferimento per un’alimentazione sicura e completa

Somministrazione pasti Serenissima Ristorazione - Ospedale del Mare Asl Napoli 1 Centro
Contenuto a cura di Piemme Brand Lab in collaborazione con SERENISSIMA RISTORAZIONE

Nel Sud Italia esiste un top player della ristorazione collettiva italiana che è il primo per pasti prodotti e aziende servite e che ha fatto della sicurezza alimentare, del rispetto degli utenti, dei lavoratori e della sostenibilità i propri tratti distintivi: si tratta di Serenissima Ristorazione.

Nata in Veneto, Serenissima Ristorazione si è prima affermata nelle Regioni del Nord nella ristorazione collettiva ed è arrivata al Sud nel 2016, portando innovazione e qualità nei pasti degli ospedali del territorio: oggi è presente in Basilicata, Campania, Puglia e Sicilia, produce circa 8 milioni di pasti all’anno, pari a circa 22mila pasti al giorno suddivisi fra colazioni, pranzi e cene. Un incremento esponenziale rispetto al 2016, quando Serenissima Ristorazione muoveva i primi passi al Sud vincendo i primi appalti nella ristorazione sanitaria in Sicilia e in quella socio-sanitaria in Campania, aprendo la sua filiale Sud ad Avellino. Due anni prima, nel 2014, Serenissima Ristorazione, con il supporto di Maurizio Palumbo, Direttore di Filiale Area Sud Italia, aveva presentato il piano industriale contenente la vision dello sviluppo strategico in tutta Italia, con le analisi delle esigenze del territorio.

Un punto di riferimento per la ristorazione collettiva e socio-sanitaria

Oggi, oltre al settore sanitario ospedaliero e a quello socio-sanitario, Serenissima serve capillarmente le regioni di Basilicata e Campania anche per la ristorazione scolastica. Alla fornitura di questi ambiti, che rappresentano punti di riferimento del core business di Serenissima, si aggiunge in Puglia e Sicilia anche la ristorazione aziendale e commerciale con il rifornimento di bar e mense.

Per garantire la qualità e la sicurezza alimentare, Serenissima Ristorazione ha avviato - in esclusiva per la ristorazione ospedaliera e socio-assistenziale e concepito secondo i criteri più avanzati in termini di tecnologia e impatto ambientale - un centro di produzione dei pasti nell’Azienda Ospedaliera Antonio Cardarelli di Napoli, il maggior ospedale della Campania e dell’intero Meridione, dove ha introdotto l’innovativo metodo Cook&Chill, l’unico che assicura l’elevata qualità nutrizionale e organolettica dei cibi e permette di conservare la salubrità del prodotto, minimizzare il rischio che i cibi vengano contaminati da microbi e ridurre gli sprechi delle materie prime. Il metodo Cook&Chill dal centro di produzione dell’A.O.R.N. “Antonio Cardarelli” di Napoli, appositamente ristrutturato e adeguato, è stato introdotto presso tutta la ASL Na1 Centro, grazie al centro altamente tecnologico per il confezionamento dei vassoi personalizzati, costruito appositamente presso i locali cucina dell’Ospedale del Mare. Successivamente i vassoi vengono distribuiti con carrelli termo attivi e rigenerativi presso i reparti dello stesso Ospedale del Mare e delle altre strutture territoriali afferenti alla Asl Na1 Centro.

 

Attenzione al territorio e all’ambiente

Proprio l’attenzione all’approvvigionamento di materie prime di altissima qualità da fornitori italiani e locali a km zero e BIO, in ottica di sostenibilità e valorizzazione del territorio, costituisce un punto di forza di Serenissima. Così come la riduzione dell’impatto ambientale attraverso l’utilizzo di materiale compostabile che ha ormai sostituito tutta la plastica tradizionale.

Serenissima, infatti, per il suo impegno è stata inserita fra le 300 “Green Stars” della sostenibilità in Italia nella categoria Servizi di Ristorazione. «Per Serenissima Ristorazione la sostenibilità è la Stella Polare che ci indica il cammino e che seguiamo costantemente, non solo in termini ambientali, ma anche nel rispetto dei diritti dei lavoratori che noi consideriamo delle risorse indispensabili formando un team di successo che sia altamente motivato e valorizzato – afferma Maurizio Palumbo, Direttore di Filiale Area Sud Italia di Serenissima Ristorazionee nel rispetto nei confronti dei fruitori del servizio, ossia pazienti degli ospedali, a cui garantiamo la massima qualità possibile utilizzando, ad esempio, servizi in porcellana col cibo tenuto al caldo a 70°C per mantenere inalterate le proprietà organolettiche e posate in acciaio imbustate singolarmente con appositi macchinari senza il contatto dell’uomo». La tecnologia utilizzata, infatti, consente di monitorare il flusso di tutto il servizio offerto e delle pietanze grazie a una rilevazione informatizzata di pasti e diete destinate al paziente e collegati alla cartella clinica informatizzata dell’ospedale.

Un supporto capillare

Da ispettori regionali di area a capi impianto e cuochi, passando per il personale amministrativo e commerciale, Serenissima Ristorazione al sud impiega oltre 1.500 dipendenti che forma periodicamente con corsi specifici dedicati, ma anche costantemente con il supporto e affiancamento quotidiano degli Ispettori di Area. Per assicurare un pasto di qualità e con un valore nutrizionale adeguato e attento alle esigenze dei pazienti, le dietiste di Serenissima si interfacciano e si confrontano quotidianamente con i vari dipartimenti di dietetica degli Ospedali.

Ad oggi sono stati investiti sul territorio ben 15 milioni di euro e gli investimenti sono destinati a proseguire: «Sinora abbiamo rinnovato o adeguato 20 cucine che rimarranno un asset delle aziende a cui offriamo i nostri servizi, ma la qualità del nostro lavoro e del cibo che offriamo oltre al rispetto delle normative e della Pubblica Amministrazione viene prima di tutto. Per questo motivo abbiamo intenzione di continuare a investire per attestarci su standard di livello sempre più alto» conclude Maurizio Palumbo.
 

Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito www.grupposerenissima.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA