De Laurentiis, maxi-offerta
ma Sarri rinvia la decisione

di Pino Taormina

Sarri tace. Ascolta con la mano appoggiata sul mento per un’oretta circa le frasi di De Laurentiis ma non dà la risposta che il numero uno del club azzurro voleva sentire. Sarri è lì, nella sala da pranzo di casa sua, a Varcaturo, dove il vertice ha luogo. Non se ne sta completamente muto, ribatte con qualche battuta, replica con qualche frecciatina, ma prende tempo. Altro tempo. E rinvia. Sente il fiume di frasi che il presidente gli fa scorrere sul tavolo e conferma i suoi dubbi: non sa ancora cosa farà, anche perché ancora un po’ gli bruciano le critiche del presidente degli ultimi tempi. Il ds Giuntoli prova a mediare e a far comprendere che in fondo quella dell’allenatore è solo una legittima pausa di riflessione. Ma era un incontro necessario, dopo gli affondi di De Laurentiis che Sarri ha soltanto finto di aver assorbito bene. Ma per cui è rimasto assai male. L’appuntamento di ieri ha fatto superare la fase critica. E sotto questo aspetto, un buon passo in avanti. Non l’inizio di una vera trattativa, ma un incontro preliminare per capire cosa vuole la rispettiva controparte.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 16 Maggio 2018, 22:48 - Ultimo aggiornamento: 16-05-2018 22:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP