«Cannabis light legale», l'emendamento 5Stelle dopo l'ok in Cassazione

Venerdì 10 Gennaio 2020 di Emilio Pucci

ROMA Via libera alla cannabis light, M5S ci riprova. Il Movimento 5Stelle prima di Natale lo aveva annunciato: «Abbiamo perso una battaglia ma non la guerra». Ed ecco che le norme cassate dalla presidente del Senato Casellati durante l'approvazione della legge di bilancio a palazzo Madama, potrebbero rientrare a Montecitorio.

Cannabis fai da te, la Cassazione dà l'ok con molti paletti: vietate lampade e irrigatori
Cannabis, la Corte: può fumarla soltanto il produttore

FINI INDUSTRIALI
La proposta prevede l'uso «in forma essiccata, fresca, trinciata o pellettizzata ai fini industriali, commerciali ed energetici» di cannabis in cui il contenuto di tetraidrocannabinolo (Thc) sia inferiore allo 0,5 per cento. Tremila aziende, tra produttori e distributori di cannabis light, sono rimaste in un limbo normativo dopo la sentenza della Cassazione di luglio che ha vietato la vendita di resine, olio e infiorescenze. L'idea grillina è ripresentare la stessa proposta come emendamento al Milleproroghe che dovrà essere convertito in legge. Il dl, licenziato dal Cdm lo scorso 21 dicembre, è stato assegnato in sede referente alle commissioni Giustizia e Bilancio di Montecitorio. E i pentastellati sono pronti ad indossare di nuovo l'elmetto. Soprattutto ora che le sezioni unite penali della Cassazione si sono pronunciate con una sentenza storica a favore della auto coltivazione della marijuana. Anzi, la tentazione del Movimento è proprio quella di fare un riferimento esplicito alla pronuncia arrivata a fine anno per regolamentarla a livello legislativo. Stabilendo per esempio quante piantine possono essere coltivate e come poter rispettare i paletti posti anche dalla Corte Costituzionale. 
«Non si può lasciare ogni cosa allo stato brado e far sì che sia la giurisprudenza a dettare la linea», osservano fonti pentastellate. Di qui la volontà di agire appunto nelle prossime ore con un emendamento di partito, su cui poi cercare i voti di una maggioranza trasversale attenta alle ragioni del mercato della cannabis light, che non sono necessariamente - spiegano i promotori pentastellati - coincidenti con il fronte antiproibizionista. Basti pensare che il giro d'affari è stato stimato in 150 milioni di euro nel 2018, e che per il 2021 il giro di affari previsto su scala europea è di 36 miliardi di euro, visto il crescente interesse da parte di vari settori tra cui farmaceutica, cosmesi, alimentare, packaging, edilizia e design.
IL PIANO BLa Casellati in Senato aveva invitato Pd, M5s, Iv e Leu a presentare una proposta parlamentare. In effetti c'è il testo del senatore Mantero che non è stato ancora calendarizzato. E' il piano' B per la maggioranza ma il Movimento conta sull'appoggio del presidente della Camera, Fico. Fonti M5S riferiscono che si sta attendendo la relazione del ministero della Sanità e quella del dicastero dell'Interno. Ci sono delle resistenze ma - sottolineano le stesse fonti - c'è l'ok del ministero dell'Economia e «al Senato l'accordo nella maggioranza era totale». «E' una corsa contro il tempo. Marzo e aprile sono i mesi in cui si semina, altrimenti si perdono i raccolti e si mandano sul lastrico 12 mila famiglie», osserva il senatore Mantero che insieme alla dem Cirinnà aveva firmato l'emendamento dichiarato inammissibile in Senato. «E' assurdo - continua Mantero - che in Italia si stia parlando ancora di canapa industriale mentre nel resto del mondo legalizzano la marijuana. Chi parla di droga dimostra grande ignoranza sul tema». «E' arrivato il momento di accelerare. Non ci diamo per vinti», sottolinea anche la dem Cirinnà. 

Ultimo aggiornamento: 13:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA