Ripartire ma senza lasciarsi andare

Lunedì 17 Maggio 2021 di Mario Ajello

Guai a ripetersi. Guai ad assembrarsi. Guai a dimenticare. L’estate che viene, nel segno delle riaperture targate Draghi e appena decise nel consiglio dei ministri, non dovrà somigliare in nulla a quella dello scorso anno. In cui i bar (non tutti) diventavano discoteche grondanti di miasmi e di umori, i ristoranti (non tutti) si trasformavano in sudati ritrovi di spensieratezza senza verità (eravamo ancora un Paese contagiato e lo siamo...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 18 Maggio, 06:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA