«Puntate fino a duecento euro, i nostri figli ostaggi del gioco a Napoli»

Sabato 11 Gennaio 2020 di Maria Chiara Aulisio

Settemila euro il primo premio e carte vendute all’asta anche a duecento euro ciascuna. Un “Mercante in fiera” assai dispendioso, quello organizzato nel salotto di una casa di Chiaia tra Natale e Capodanno. Esperto il banditore, che ha fatto sfoggio della sua abilità per ricavare più soldi possibili, pieni di danaro i ragazzini seduti intorno al tavolo pronti a tirare fuori cifre esagerate pur di aggiudicarsi il maggior numero di carte e puntare dritti al primo premio. Età media: vent’anni

LEGGI ANCHE «Diamo troppi soldi e libertà ai nostri figli»

A raccontare la serata, anche in un lungo post su Facebook, è Alessandra Thanel, mamma di due ragazzi poco più che ventenni: «Settemila euro il primo premio - scrive sulla pagina dell’associazione «31salvatutti» creata dall’avvocato Federica Mariottino - mi domando tutti questi soldi chi glieli dà?». Quesito assolutamente legittimo al quale, lei stessa, offre una risposta: «I genitori, naturalmente. Ma è fin troppo chiaro che questi ragazzi più ne hanno e più ne spendono. Con tutto ciò che ne deriva». A cominciare dall’abuso di alcol che gira in grande quantità anche durante queste serate: «Lo sanno tutti che quando si siedono al tavolino, poi bevono - prosegue la Thanel - adesso va di moda il poker, mi hanno riferito alcune amiche, le stesse dalle quali ho saputo del “Mercante in fiera”, che a organizzare le “partitelle” sono pure i minorenni. Anziché andare a fare sport si chiudono in casa con le carte in mano, roba da non credere». A Natale si è giocato parecchio: in città ma anche a Roccaraso dove, nei giorni delle feste, tanti giovani napoletani hanno scelto di trascorrere le vacanze, con o senza genitori. «I miei figli, che hanno più di vent’anni, devono farsi bastare cinquanta euro alla settimana. E gli ho anche detto che se li scopro a fumare, quei cinquanta, si riducono a venticinque - aggiunge la Thanel - sono convinta che un po’ di rigore sia necessario altrimenti diventa tutto più difficile». Non è la sola, mamma Alessandra, a raccontare le notti al tavolo verde dei ventenni napoletani. Su Facebook sono in tante a denunciare un fenomeno che, da mesi, tiene banco tra i giovanissimi. Una vera e propria manìa - pare che vada molto di moda soprattutto in alcuni ambienti - la partita a poker prima di dare il via alla serata nei locali notturni della città: «Un’abitudine che si sta diffondendo in maniera piuttosto allarmante - spiega anche Federica Mariottino - raccolgo gli sfoghi di tanti genitori che non riescono ad allontanare i propri figli dal tavolo verde». Già, perché se da un lato ci sono giovani pieni di soldi, pronti a vincere, o perdere, cifre stratosferiche - come quelli che hanno partecipato al “Mercante in fiera” da nababbi in un appartamento di Chiaia - dall’altro ce ne sono altri che - se pur con meno soldi - giocano lo stesso. 

LEGGI ANCHE Alcol ai minorenni, in campo le mamme di Napoli

Da qui la preoccupazione delle famiglie che, insieme con il dramma alcol, vedono avvicinarsi anche lo spettro del gioco d’azzardo. Secondo gli esperti è necessario non abbassare mai la guardia e controllare l’uso che i ragazzi fanno del danaro che viene dato loro. Le cifre attuali restano importanti se si considera che il gioco d’azzardo è illegale per i minorenni, che però, ugualmente riescono con facilità a entrare in contatto con i posti adibiti al gioco. «È chiaro che quando si organizzano queste serate di gruppo, ci finiscono dentro anche i minori - prosegue la Thanel - il diciottenne è facile che si accompagni alla sedicenne. E se gioca uno, gioca l’altra, se beve uno, beve l’altra. Non mi stancherò mai di ripeterlo: se vogliamo evitare che i nostri figli prendano strade sbagliate dobbiamo controllarli e soprattutto evitare di riempirli di soldi. Ma questo è solo il mio parere».

Ultimo aggiornamento: 12 Gennaio, 16:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA