Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, la rotta del Comandante Luciano è un messaggio per De Laurentiis

Lunedì 23 Maggio 2022 di Francesco De Luca

Si è chiuso con lo scudetto del Milan e la salvezza della Salernitana il campionato che ha lasciato in sospeso i verdetti più importanti in testa e in coda fino agli ultimi 90’. Finale palpitante, certo. Ma il fatto che vi siano state tre squadre in lotta per il titolo finché il Napoli non si autoescluso con un solo punto in tre gare non è un segnale di buona salute del calcio italiano. Fuori dai confini, risultati deludenti (Nazionale esclusa dai Mondiali, un’italiana - la Roma - è arrivata in una finale di coppa ma è la Conference League), una crisi economica profonda, con annunciate perdite del sistema per 1,3 miliardi. E il gravissimo fenomeno della violenza negli stadi non è stato debellato: a La Spezia vi sono stati insulti, scontri, la partita del Napoli - inutile ai fini della classifica - è stata sospesa per 12 minuti. Questo è il livello.

Gli azzurri hanno chiuso il campionato con la ventiquattresima vittoria e le reti di tre azzurri (Politano, Zielinski e Demme) poco utilizzati negli ultimi mesi. La squadra è tornata con pieno merito in Champions League. De Laurentiis e Spalletti hanno metabolizzato prima dei giocatori e dei tifosi la delusione per l’anticipata esclusione dalla lotta scudetto e si preparano ad aprire un nuovo ciclo, che non a caso coincide con la partenza di Insigne, salutato con tutti gli onori: ci auguriamo che all’interno di questo mondo globalizzato vi sia spazio per un napoletano in maglia azzurra. Spalletti ha indicato la rotta per la prossima stagione in due conferenze stampa. Ha fissato dei paletti, mettendo l’etichetta “non in vendita” al cartellino di Koulibaly e auspicando che un altro leader dello spogliatoio, Mertens, sia riconfermato perché «i buoni calciatori si comprano mentre i leader si creano dentro l’ambiente». Ha suggerito il miglioramento delle caratteristiche fisiche della squadra per renderla più forte non solo tecnicamente. «E non si devono abbassare valore della rosa e personalità». Tutto molto chiaro.

De Laurentiis e l’allenatore devono progettare un rinnovamento che consenta alla squadra di restare ai vertici e tentare di fare il passo in più, auspicato non soltanto dalla tifoseria: credere che un presidente così ambizioso non abbia in testa il sogno scudetto è un errato luogo comune. Il Milan e l’Inter hanno già avviato le grandi manovre per il mercato estivo, la Juve cerca lo spunto per il riscatto, la Roma sogna di regalare Dybala a Mourinho. Ma il Napoli ha valori tecnici importanti che lo hanno riportato ai vertici e il club lavorerà per integrarli. Ci sembra sbagliato pensare che un rinnovamento debba essere letto come un ridimensionamento. L’acquisto del ventunenne georgiano Kvaratskhelia è il segnale di una programmazione avviata in anticipo anche perché i tempi saranno un po’ più brevi, cominciando il campionato a Ferragosto. Ci rivedremo su questi schermi tra 80 giorni con il Napoli e la Salernitana, che all’ultima curva ha centrato un obiettivo che sembrava impossibile. Merito di un club che ha fatto le scelte giuste, da Sabatini e Nicola ai giocatori, e di una tifoseria che è stata fedele alleata della squadra anche quando la retrocessione sembrava una certezza. 

Ultimo aggiornamento: 06:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA