«Napoletani vi amo, ma non cambio
idea: per me siete diversi»

di Paolo Barbuto

Affronta con piglio brianzolo i basoli dei Decumani, passo spedito e mole da gigante che non rinunzia alla sua idea: lombardi e napoletani sono antropologicamente diversi. Gianluca Brambilla questa cosa l’ha detta l’altro giorno in diretta alla tv mentre si parlava di trasporto pubblico: «antropologicamente il napoletano vuole usare i mezzi pubblici gratis», aveva urlato in faccia a Umberto De Gregorio, presidente Eav collegato in diretta ad Agorà per parlare dell’atavica questione dei portoghesi. Quella...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 22 Settembre 2018, 22:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP