La bellezza dell'acquario e la bruttezza della Villa

Martedì 8 Giugno 2021 di Antonio Menna

La cerimonia solenne con cui ieri a Napoli è stata salutata la riapertura dello storico Acquario della Stazione zoologica Dohrn avrebbe dovuto calare, come a Roma sulla targa sbagliata per Ciampi, un pietoso velo su tutto quello che c’è intorno. Un enorme drappo – giallorosso anche questo, con i colori di Napoli – di 110mila metri quadrati per coprire la vergogna della Villa comunale. Non un errore di battitura su una lapide di marmo, com’è...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 10 Giugno, 07:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA